Cerca

Dopo la sentenza della Consulta

Pensioni, il no al blocco degli adeguamenti sarà un salasso per gli italiani. Come funziona il "rimborso"

Pensioni, il no al blocco degli adeguamenti sarà un salasso per gli italiani. Come funziona il "rimborso"

La bocciatura dello stop ali adeguamenti delle pensioni all'inflazione per il 2012-13 stabilita dalla Corte costituzionale è una boccata d'ossigeno per molti italiani e una mazzata per i conti dello Stato. E, di conseguenza, una mazzata per le tasche di quegli stessi italiani. La buona notizia rischia di trasformarsi infatti in boomerang. Il Tesoro si troverà a dover erogare, secondo le prime stime, qualcosa tra i 5 e i 10 miliardi di euro, compito non facile visto che l'ultima finanziaria è stata fatta con il bilancino. Secondo Affaritaliani.it, a giugno il governo dovrà correre precipitosamente ai ripari, anche perché la sentenza della Consulta riferita agli anni 2012 e 2013, potrebbe avere gli stessi effetti sugli assegni per il 2014 e il 2015. Quel miliardo e mezzo risparmiato (il tanto famoso, forse fasullo tesoretto) non aiuteranno granché. Come scrive Alberto Maggi, Renzi e Padoan spingeranno per altri tagli agli enti locali, dalle spese sanitarie, alla scuola e la sicurezza. Dal punto di vista dei pagamenti, per non mandare in debito d'ossigeno l'Inps, da via XX Settembre avrebbero accennato a tre soluzioni distinte, la prima in autunno e le altre due nei 6 mesi successivi. E' chiaro come il grosso rischio, in agguato, sia quello delle famigerate clausole di salvaguardia: in caso di sforamento del rapporto deficit-Pil porterà all'aumento delle due aliquote Iva, rispettivamente dal 10 al 12% nel 2016 e al 13% nel 2017 e dal 22 al 24% nel 2016, al 25% nel 2017 e al 25,5% nel 2018.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlo1949

    19 Maggio 2015 - 23:11

    Quando si tratta di restituire soldi agli aventi diritto (sentenza della Corte Costituzionale) il governo trova mille scuse. Quando si tratta di regalare soldi a chi non nè ha diritto (vitalizi e quantaltro e non parliamo di chi ruba soldi pubblici) lo stato non trova nessun cavillo. Sono un pensionato ma penso che oltre a buttare la tessera elettorale bisogna andare a roma e bruciarli vivi .

    Report

    Rispondi

  • leopoldinosanfe

    18 Maggio 2015 - 22:10

    ladri o pasriccioni,lo stile italiano trionfa un vero skifo

    Report

    Rispondi

  • encol

    04 Maggio 2015 - 07:07

    Dopo aver visitati l'EXPO: ERA NECESSARIO TANTO SPRECO? Chissà se il bullo nazionale nella sua onnipresenza e quotidiane esternazioni comunicherà agli italiani quanto realmente è costata ( furti compresi) la montagna di acciaio ? E il compagno G che fine ha fatto? più nessuno ne parla come nessuno parla più del Penati , l'amico dello smacchiatore. Mah che strano !!!

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    03 Maggio 2015 - 21:09

    Napolitano e Monti dovrebbero accollarsi le eventuali spese che dovessero sostenere i pensionati interessati.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog