Cerca

Dopo la sentenza della Corte costituzionale

Pensioni, i possibili rimborsi: risarcimento medio da 1.800 euro, chi può riceverlo

Pensioni, i possibili rimborsi: risarcimento  medio da 1.800 euro, chi può riceverlo

Quasi 10 miliardi di euro, per l'esattezza 9,7, sottratti ai pensionati italiani: è l'ammontare del blocco all'adeguamento degli assegni deciso dal governo Monti nel 2012 e giudicato ora incostituzionale dalla Consulta. Gli italiani penalizzati sono quelli che all'epoca percepivano una pensione da 1.400 euro netti al mese, secondo i dati Istat nel biennio 2012-13 (quello a cui la sentenza si riferisce, ma molti sospettano che avrà valore anche per i due anni successivi) sono sei milioni di persone. La quota maggiore, sottolinea il Corriere della Sera, è costituita da pensionati tra i 1.500 e i 1.999 euro (17,4% del totale) e tra 2mila e 3mila euro (13,7%) mentre il risarcimento medio si aggirerà intorno ai 1.800 euro. Un assegno "tipo" da 2.000 euro, con adeguamento rimborsato, darà infatti diritto al risarcimento di 704 euro per il 2012 e 1.469 euro per il 2013, per un totale di 2.173 euro lordi e 1.739 netti. L'idea del governo, che è obbligato a concedere a rimborsare i pensionati, è però quella di obbligare gli interessati a rivolgersi a un giudice, riuscendo in questo modo a dilazionare e forse a "spalmare" il rimborso nel corso degli anni per non mandare al collasso le già fragili casse dell'Inps.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianniob

    08 Maggio 2015 - 11:11

    di cosa ci meravigliamo? Da napolitano, Monti, Fornero in poi, siamo scesi sempre più in basso (partendo da un livello già da cloaca). La classe politica italiana non ha mai brillato per efficienza e onestà, ma ora abbiamo superato ogni limite. Dare del delinquente ad un politico si rischia di offendere i delinquenti. Stessa cosa per i magistrati.

    Report

    Rispondi

  • mark51

    08 Maggio 2015 - 11:11

    lo sapevano benissimo quello che facevano diciamo che servivano soldi e non sapendo dove andare a pescarli dai tagli della politica ? figuriamoci se li sono presi in prestito dai pensionati ora cercheranno di restituirne il meno possibile roba da prenderli a fucilate

    Report

    Rispondi

  • mark51

    08 Maggio 2015 - 11:11

    lo sapevano benissimo quello che facevano diciamo che servivano soldi e non sapendo dove andare a pescarli dai tagli della politica ? figuriamoci se li sono presi in prestito dai pensionati ora cercheranno di restituirne il meno possibile roba da prenderli a fucilate

    Report

    Rispondi

  • brunicione

    06 Maggio 2015 - 23:11

    Problema risolto: ridurre a max Euro 5000 mensili a tutti i politici, giudici, funzionari pubblici, generali, etc etc, Azzeramento delle liquidazioni dei Politici, Abolizione delle seconde terze e quarte pensioni, con max pensione 5000 Euro. Fate quattro conti e troverete i 9 miliardi che sono un diritto dei pensionati.

    Report

    Rispondi

    • Luporso

      08 Maggio 2015 - 11:11

      Sarebbe una soluzione semplice e giustissima: chi ha una pensione molto alta ha sempre guadagnato abbastanza da mettere da parte cifre rilevanti; se non l'ha fatto peggio per lui. 5.000 € (lordi) al mese è una bella pensione.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog