Cerca

Fornero bocciata

Pensioni, il governo non vuole pagare gli scatti

Pensioni, il governo non vuole pagare gli scatti

Enrico Zanetti parla chiaro. Al punto che, senza girarci troppo intorno, ha rivelato punto per punto la nuova fregatura che il governo di Matteo Renzi sta per servire ai pensionati. La soluzione al blocco degli adeguamenti delle pensioni da 1.405 euro in su - blocco cassato dalla Corte costituzionale - è un altro provvedimento probabilmente illegittimo ed è l’ennesima mazzata per gli italiani. Il sottosegretario all’Economia, per la verità, è convinto che l’intervento non sarà un blitz fuori legge e ha ufficialmente confermato quanto ventilato nei giorni scorsi: palazzo Chigi vuole rimborsare solo chi percepisce pensioni molto basse.
La questione riguarda 6 milioni di soggetti che dal 2012 non hanno visto crescere l’assegno Inps con l’inflazione. Il giro di vite, introdotto con la riforma Fornero del governo Monti, è stato dichiarato incostituzionale il 30 aprile dai giudici di palazzo della Consulta. Di qui la necessità, per l’attuale esecutivo, di correre ai ripari. La faccenda vale dai 10 ai 16 miliardi, stando ai calcoli circolati in questi giorni. I conti pubblici - quelli dell’Inps in particolare - salterebbero per aria. Dunque bisogna circoscrivere i rimborsi, secondo Zanetti. «È impensabile» che si restituiscano i soldi ai pensionati «che prendono 3.500-4.000 euro al mese, quando si è chiesto ai giovani di passare al sistema contributivo e ai quasi pensionati di spostare in avanti l’età per andare in pensione. Sarebbe immorale e il governo deve dirlo forte». La Uil ha calcolato quanto dovrebbe tornare nelle tasche dei cittadini. Se, a esempio, si decidesse di fissare i rimborsi per i redditi mensili lordi tra 1.500 euro e 2.500 euro circa, i pensionati a esserne interessati sarebbero 4,3 milioni, mentre altri 1,7 milioni di soggetti non avrebbero alcun rimborso. Nel dettaglio, per il 2012 e il 2013 - il rimborso per una pensione che nel 2011 era di 1.500 euro lordi, quindi appena superiore alle tre volte il minimo, dovrà partire da 2.540 euro per i due anni di blocco e per gli effetti che questi hanno avuto sul 2014. Nello specifico dovrà riavere per l’anno 2012 circa 530 euro e circa 1.008 euro sia per l’anno 2013 che per l'anno 2014 (su queste somme dovranno essere applicati anche gli interessi maturati). Avrà così una rivalutazione di 85 euro circa al mese dal 2013 in poi. La Uil calcola il recupero dell’inflazione al 3% nel 2012 e al 2,6%, sulla base della previsione dell’Inps, nel 2013, quando però quella reale si è attestata all’1,2%. Calcoli simili li fa la Cgia di Mestre.
A confermare l’opzione ristretta è stato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan: «Stiamo pensando intensamente sia agli aspetti istituzionali sia di finanza pubblica». Per ora non sono noti i dettagli del decreto, che arriverà nelle prossime settimane, magari dopo il voto di fine maggio per i consigli regionali. Il tema è delicato e in cabina elettorale potrebbe il blitz potrebbe avere un peso specifico. Fonti del governo hanno fatto sapere che a palazzo Chigi non c’è urgenza. Di sicuro, come ha chiarito pure Zanetti, il tesoretto da 1,7 miliardi previsto dall’ultimo Documento di economia e finanza è andato: «Ci siamo giocati parecchio di più». Restano i dubbi su una nuova denuncia alla Corte costituzionale. La tesi che circola fra i tecnici del governo, tuttavia, è più o meno questa. «Non rimborsare» tutti è una soluzione «compatibile con la sentenza della Corte» e comunque «quello dei rimborsi è un falso problema, perché è difficile che qualcuno faccia ricorso per 1.500 euro accollandosi le spese». La Corte ieri ha chiarito informalmente che la sentenza è autoapplicativa e i ricorsi non sono necessari ma utili. Il governo, però, scommette sul fatto che i pensionati non avranno fondi a disposizione per pagare avvocati e spese di giudizio. È la legge del più forte. A Renzi piace così.

di FRANCESCO DE DOMINICIS
twitter@DeDominicisF

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    09 Maggio 2015 - 08:08

    Votate PD.Mi raccomando.Continuate a farlo che in futuro andrete ancora meglio.

    Report

    Rispondi

  • irucangy

    08 Maggio 2015 - 11:11

    La vera riforma delle pensioni va fatta su tutti quelli, condannati e non, che hanno ottenuto pensioni privilegiate nella tempistica e rispetto ai contributi versati. C'e qualcuno che percepisce da quando aveva 40 anni una pensione di qualche migliaio di euro per un giorno di parlamentare. Una infamia. a quello va tolto totalmente, altro che diritti acquisiti.

    Report

    Rispondi

  • irucangy

    08 Maggio 2015 - 10:10

    Prevedo una valanga di decreti ingiuntivi e precetti a carico dell'inps, se non paga. E faranno bene gli italiani ad incazzarsi se questi pidioti non pagano. Adesso sono chiare le nefandezze commesse dal governo monti e dai suoi ministri, che almeno aveva il pudore di stare zitto nel commettere le nefandezze. Questo governo spaccia nefandezze per promesse mirabolanti, come jobs act e italicum

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    08 Maggio 2015 - 10:10

    Aldilà del fatto sentire parlare di moralità e giustizia, un rappresentante delle cosiddette istituzioni, anzi stando ai fatti di tutti i giorni, direi rappresentante di privilegiati, incompetenti, cialtroni di tutte le speci, e purtroppo anche corrotti, è come ricevere un pugno in un occhio. Siamo l unico paese che ha ravvisato la necessità di un commissario anticorruzione

    Report

    Rispondi

blog