Cerca

Tartassati

Imu, i Comuni adeguano le aliquote al rialzo: stangata sulle case

Imu, i Comuni adeguano le aliquote al rialzo: stangata sulle case

Solo Barletta e Varese abbasseranno le tasse sulla casa intervenendo al ribasso sulle aliquote Imu. Gli altri comuni italiani invece si stanno adeguando al rialzo ai massimi concessi della legge già applicati da Roma o Milano dove l'aliquota base dell'Imu è del 10,6 per mille e del 9,6 per gli immobili locati e la Tasi è al 2,5 per mille.
Le tabelle di Confedilizia, pubblicate dal Giornale, parlano di Modena, Sondrio e Bologna che ha portato la tasi al 3,3 per mille e al 10,6 per mille l' aliquota Imu, sia sugli immobili locati a prezzi di mercato, sia su quelli con contratti concordati, che l'anno scorso erano al 7,6 per mille. L'aumento su questo tipo di contratto, forma di affitto che è incentivata dal fisco nazionale, ma che a livello a locale viene tassata come le altre, c'è anche Rimini (dal 7 all'8,9 per mille) e Pordenone (dal 7,76 all' 8,85 per mille). Altri ne arriveranno. Cagliari invece lo ha abbassato di un punto, dal 7,6 al 6,6 così come ad Arezzo, dove però l'aliquota della Tasi è 3,3. 
La gran parte dei Comuni non ha ancora deliberato le aliquote 2015. Il termine per farlo sarebbe stato oggi, già a ridosso dell'acconto di giugno, ma i sindaci hanno ottenuto uno slittamento a luglio. In caso di aumenti (probabile che molti ritardatari decidano ritocchi), il contribuente dovrà pagare il conguaglio a dicembre. Un regalo sgradito che arriverà intorno a Natale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog