Cerca

A processo

Frode al fisco italiano, Paolo e Nicola Bulgari rinviati a giudizio per una maxi evasione fiscale

Frode al fisco italiano, Paolo e Nicola Bulgari rinviati a giudizio per una maxi evasione fiscale

Sono stati rinviati a giudizio per una maxi evasione fiscale Paolo e Nicola Bulgari, insieme ad altre 11 persone del loro gruppo. Secondo l’accusa gli imputati avrebbero creato dal 2006 numerosissime società all’estero con il preciso obiettivo di frodare il fisco italiano. L’indagine avviata nel 2013 portò al sequestro di beni per 46 milioni di euro e l’apposizione di sigilli all’ufficio del gruppo in via Condotti, a Roma. Dall’inchiesta poi emerse che era stata creata una precisa strategia per ricollocare i guadagni in diversi stati esteri come Svizzera, Olanda e Irlanda attraverso società costituite appositamente fuori dall’Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tristano.libero

    26 Maggio 2015 - 19:07

    Ecco i soliti PM comunisti che si permettono di condizionare le scelte industriali degli imprenditori italiani. Cosa credono di aver fatto ? Per un po' di milioni frodati al fisco ora tanti operai rimarranno a casa e tante famiglie senza reddito come faranno a campare ? Io li manderei a bussare a casa dei PM che hanno avuto questa bella pensata.

    Report

    Rispondi

  • gianni-1

    gianni-1

    26 Maggio 2015 - 15:03

    Con un governo di magnoni come il nostro è lecito evadere, vedere certi politici ignoranti come le capre viaggiare su auto lussuose pagati con i nostri sacrifici , dico chi può farlo fa bene,,,,,,

    Report

    Rispondi

    • tristano.libero

      26 Maggio 2015 - 18:06

      ".... vedere certi politici ignoranti come le capre viaggiare su auto lussuose pagati con i nostri sacrifici ..." Parole sante gianni-1. E pensa che c'é un politico pregiudicato delinquente frodatore del fisco per 360 milioni, che anche dopo la condanna lo portiamo a spasso con una mega scorta pagata da noi contribuenti che ci costa oltre 3 milioni di euro all'anno.

      Report

      Rispondi

blog