Cerca

Pensioni

Inps, la voragine: cresce il rosso della previdenza, le categorie a rischio

Inps, la voragine: cresce il rosso della previdenza, le categorie a rischio

I conti dell'Inps fanno paura: se l'economia non riprenderà a cresce il deficit (che sarà scaricato sui conti dello Stato) crescerà di anno in anno fino a superare i dodici miliardi di euro nel 2023. Cifre che, riporta il Corriere della Sera, asciugheranno l'attuale attivo patrimoniale (18,5 miliardi di euro nel 2014) che si trasformerà in passivo e salirà fino a 56 miliardi e mezzo, sempre nel 2023.

E' quanto emerge nella relazione della commissione economico-finanziaria sulla Verifica tecnico-attuariale per il 2014-2023 trasmessa dal direttore generale il 24 marzo al Consiglio di indirizzo e vigilanza dell'istituto che gestisce le pensioni. Che tratteggia un bilancio di medio periodo sulla base delle norme vigenti al 31 ottobre 2014 (per il 2014-2018 viene elaborata sul quadro macro della nota di aggiornamento del Def 2014 approvato il 30 settembre; per il 2019-2023 sulle previsioni della Ragioneria generale dello Stato) che è allarmante: i conti della previdenza sono infatti destinati a peggiorare. A pesare sono i deficit crescenti di alcune gestioni: dipendenti pubblici (ex Inpdap), fondi speciali (elettrici, trasporti, telefonici), dirigenti d'azienda (ex Inpdai), artigiani, coltivatori diretti. Ergo, il deficit complessivo, che secondo il bilancio preventivo 2015 sarà di 6,8 miliardi, salirà, secondo le proiezioni del bilancio tecnico-attuariale, da circa 7 miliardi nel 2018 a 12,4 nel 2023. E il patrimonio netto, a causa del sommarsi dei deficit annuali, sarà nel 2023 in rosso per 56,5 miliardi.

Riporta sempre il Corriere che le differenze tra i fondi sono impressionanti. La gestione dei dipendenti pubblici (ex Inpdap) vedrà crescere il deficit di esercizio dai 5 miliardi attuali a 20,4 miliardi nel 2023 e il passivo patrimoniale da quasi 7 miliardi a 112,8. Il fondo artigiani subirà un peggioramento del passivo dagli oltre 5 miliardi del 2015 ai 7,6 miliardi del 2023 e il patrimonio netto, già in rosso di quasi 50 miliardi, toccherà -108 miliardi del 2023. Il deficit della gestione ex Inpdai si manterrà fra i 4 e i 5 miliardi per tutto il decennio e quindi il disavanzo patrimoniale salirà a 71 miliardi nel 2023, anche perché si tratta, come per gli elettrici e i telefonici, di un fondo a esaurimento, dove i nuovi lavoratori vengono iscritti al fondo dipendenti privati. Negativo anche l'andamento dei coltivatori diretti: 4-4,5 miliardi all' anno di deficit e patrimonio netto a -120 miliardi nel 2023. Male i fondi speciali, che già oggi hanno rilevanti disavanzi patrimoniali: saliranno a 47 miliardi per gli elettrici a 26 per i trasporti, a 18 per i telefonici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • acarbonkio

    25 Giugno 2015 - 18:06

    ...Come ho sentito da un eccellente esperto in materia,.il buco enorme degli ex Inpdap,è dato dallo Stato,che NON ha mai MATERIALMENTE versato i contributi,.MA SOLAMENTE FIGURATIVI;;,.dopodiché aggiungi,le pensioni d'invalidità,che dovrebbero essere a carico del ministero della salute,.aggiungi poi l'enorme spesa della cassa integrazione,che dovrebbe essere a carico del Ministero del Lavoro;;;

    Report

    Rispondi

    • aldoamico

      19 Luglio 2015 - 20:08

      Boeri questo non lo dice.Omertà ?

      Report

      Rispondi

  • lucky52

    17 Giugno 2015 - 11:11

    Incominciamo a risparmiare quei minimo 5 miliardi annui che ci costa il mantenimento totale degli extracomunitari e clandestini. Vitto, alloggio, farmaci, ospedali,scuole, pensioni di invalidità e sociali, oltre a spese condominiali,autobus, bolli, canoni ed assicurazioni che anche chi di loro lavora non paga.

    Report

    Rispondi

    • fausta73

      09 Luglio 2015 - 08:08

      E togliamo anche le pensioni regalate ai genitori degli immigrati che sono arrivati in Italia solo per fare le pratiche per la pensione

      Report

      Rispondi

  • burago426

    17 Giugno 2015 - 08:08

    gli immigrati 67enni non hanno da temere, per loro sono diritti acquisiti. Mezza africa sta ottenendo la pensione sociale in Italia, grazie ai buonisti e grazie a noi fessi che abbiamo versato i contributi. L'inps non deve essere più un ente sociale assistenziale ma tornare previdenziale. Versi, bene, non versi, ciuppa. Lo so, non porta voti, ma come sono capaci di mettere l'imu ......

    Report

    Rispondi

  • marco53

    17 Giugno 2015 - 02:02

    Le uniche pensioni che non sono a rischio sono quelle dei delinquenti politici, i ladri di tutto che ci hanno portato alla rovina e che continuano a succhiarci il sangue. Per loro non esiste nè crisi nè sacrificio di sorta. Maledetti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog