Cerca

Crisi greca

Eurogruppo, no alla richiesta di proroga: Grecia verso il default

Eurogruppo, no alla richiesta di proroga: Grecia verso il default

No dell'Eurogruppo alla richiesta di Atene di prorogare gli aiuti che permettono alla Grecia di arrivare al referendum senza l'incubo di una chiusura delle banche e del default del Paese. Ora dopo che la delegazione greca è stata fatta uscire dal tavolo, l'Eurogruppo si riunirà nuovamente per discutere del possibile e parziale fallimento della Grecia.

Voi volete la Grecia fuori dall'Europa? VOTA

E' la prima volta che si parla concretamente di default. Ha annunciato il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem: "A breve i ministri delle finanze dell'Eurogruppo torneranno a riunirsi per prepararci a tutto quello che è possibile fare per preservare la stabilità e la solidità dell'eurozona". E ha ribadito: "Il programma di salvataggio della Grecia si concluderà martedì 30 giugno e con esso tutti gli accordi di finanziamento correlati al programma" (compresi i profitti della Bce sui bond greci). 

Il governo greco aveva chiesto ai ministri delle Finanze dell'area euro di estendere il programma per comprendere il referendum del 5 luglio e dopo quell'annuncio si è registrata una vera e propria corsa dei greci ai bancomat, confermando la delusione degli elettori nella fiducia malriposta nelle promesse salvifiche con Syriza ha vinto le elezioni. Ora bisogna vedere cosa succederà lunedì, quando riapriranno le banche e le Borse

Intanto i 18 ministri "reduci", assieme al presidente della Bce Mario Draghi e al capo del Fondo monetario Christine Lagarde, stanno discutendo di come gestire il prossimo default di Atene, inevitabile quando martedì non sarà in grado di pagare 1,6 miliardi dovuti al Fmi, possibilmente in modo "ordinato", e di come "garantire la stabilità finanziaria dell'Eurozona".

Appresa la decisione dell'Eurogruppo, Alexis Tsipras nel frattempo ha chiamato il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Francois Hollande, usando toni molto duri: "Il popolo greco sopravviverà, il valore sommo è la democrazia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lelemasi

    28 Giugno 2015 - 15:03

    tsipras, rigorosamente in corsivo, supercomunista di merda, pur di non licenziare 30.000 dipendenti pubblici come promesso all'Europa, perché sono il suo solo bacino, no catino, di voti, preferisce fare la "vittima" che viene esclusa, invece di pagare quello che deve.

    Report

    Rispondi

  • gregf

    28 Giugno 2015 - 12:12

    Per far capire che non è la moneta che fa ricco un paese ma la testa delle persone che ci abitano basta guardare il Vietnam che per un euro ci vogliono 24.356 Dong il Vietnam dovrebbe essere.

    Report

    Rispondi

  • gregf

    28 Giugno 2015 - 12:12

    La Grecia fuori dall'euro adesso diventeranno tutti ricchi dicono in molti. Alcuni paesi confinanti con l'Italia e sono fuori dall'euro ma sono nella cacca come la Grecia. Montenegro Albania Turchia Siria Girdania Egitto Libia Tunisia Marocco Algeria. Questo per far capire che non è la moneta che fa ricco un paese ma la testa delle persone che ci abitano.

    Report

    Rispondi

  • papik40

    28 Giugno 2015 - 11:11

    Qualcuno faccia capire a TSIPRAS che nel " SOMMO VALORE DELLA DEMOCRAZIA" c'e' anche l'impegno di mantenere la parola e rimborsare i debiti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog