Cerca

Guerra totale alla Merkel

Grexit, Alexis Tsipras: "Risponderemo alle minacce. C'è la volontà di cacciare il governo, non di cacciare la Grecia dall'euro"

Grexit, Alexis Tsipras: "Risponderemo alle minacce. C'è la volontà di cacciare il governo, non di cacciare la Grecia dall'euro"

Al termine di una giornata di passione, la prima con le banche chiuse in Grecia, una giornata in cui sono crollate le Borse dell'Eurozona, il premier ellenico, Alexis Tsipras, ha parlato alla tv di Stato, facendo il punto sulla difficilissima situazione del Paese e, a cascata, del Vecchio Continente. "La grande folla radunata a Syntagma - ha esordito ci dà la forza. Con calma e compostezza affronteremo minacce e ricatti", ha detto il premier riferendosi al referendum di domenica con cui si deciderà se sottostare alla proposta di Bruxelles (in piazza Syntagma si è radunata la folla che voterà "no", bocciando le misure, come chiesto proprio da Tsipras). Il premier ha proseguito: "L'accordo non può colpire i pensionati. Abbiamo fatto quello che abbiamo potuto per raggiungere un accordo, ma l'obiettivo della controparte Ue era che adottassimo le loro posizioni".

La sfida totale - Il punto, per il premier greco, è che c'è non c'è una volontà da parte dei creditori di cacciare la Grecia dall'Eurozona, bensì ci sarebbe quella delle istituzioni continentali e di Angela Merkel di cacciare il suo governo di sostegno nazionale. E questo, dunque, il ricatto di cui parla Tsipras: "Volevano spazzare via la speranza, ma non credo che ci sia la volontà di cacciare via la Grecia dall'euro, perché un Paese in default ha dei costi altissimi". L'addio all'euro, dunque, sembra ore più vicino. "Se vincerà il no - ha sottolineato - diremo addio all'euro. I cittadini greci - ha proseguito - potranno sopravvivere anche senza il programma di aiuti". Il leader di Syriza ha poi spiegato che "maggiore sarà la percentuale del no al referendum di domenica, e maggiori saranno le armi del governo greco per rilanciare i negoziati". La sfida è totale, dunque. "La gente - ha concluso Tsipras - ha il diritto di scegliere il proprio futuro. Il popolo farà sentire la sua opinione sulle note questioni. La loro voce sarà ascoltata", ha promesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francori2012

    10 Luglio 2015 - 18:06

    Non mi meraviglio che la "Culona crucca"abbia minacciato Tsipras.Questi cialtroni se lo meritano.La fregatura per l'Italia(e per mezza Europa),con l'aiuto dei soliti giornali antiitaliani,è stata di cacciare il Cav. portandoci in questa situazione.Ora che il danno è fatto si sono pentiti i "Genii di Repibblica",ma la Culona continua ad imperversare. Francori2012

    Report

    Rispondi

  • Italotrend

    30 Giugno 2015 - 08:08

    Tsipras? Un capetto populista. Prima la sinistra ci diceva che era uno bravo, adesso si vedono i risultati. La morale è che certa sinistra ti manda a ramengo.

    Report

    Rispondi

  • vmannel

    30 Giugno 2015 - 07:07

    ....ho sempre pensato fosse una stalker

    Report

    Rispondi

  • alvit

    30 Giugno 2015 - 07:07

    era una nazione di nullafacenti, ora tsipras l'ha fatta diventare una nazione di estrema sinistra con una massa di nullafacenti senza quattrini; possono produrre solo olive e yogurt , però, sono tutti impiegati dello stato, messi in tutti i posti pubblici che si potevano inventare.Cosa ci si può aspettare da tanta intelligenza? La Grecia è stata la patria della democrazia? appunto, E' STATA.

    Report

    Rispondi

    • Pantera nera

      01 Luglio 2015 - 14:02

      Ma tu guarda "una nazione di nullafacenti" viveva molto meglio prima di entrare in UE!!! I greci si riprenderanno, come ha fatto l'Islanda, morirà quello chi rimane nell'euro! Questo non avete capito: l'euro è stato progetto per distruggere l'Europa!!!!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog