Cerca

L'iniziativa

Crisi greca, campagna di crowdfunding per evitare il default: 3 euro per cittadino europeo

Crisi greca, campagna di crowdfunding per evitare il default: 3 euro per cittadino europeo

Si chiama Thom Feeney, è un manager londinese di 29 anni e ha deciso di salvare la Grecia dal fallimento. Ma non da solo, ha intenzione di farlo assieme a circa 500 milioni di persone, ovvero tutta la popolazione europea. Feeney ha infatti lanciato una campagna su Indiegogo, il portale internazionale di crowdfunding, per raccogliere i fondi necessari al salvataggio dei cugini ellenici. Il motto: con tre euro per cittadino si riuscirebbe a raccogliere il miliardo e 600 mila euro necessario per saldare la rata del debito di Tsipras.

L’idea – A circa due giorni di distanza dall’avvio del crowdfunding, Feeney ha già raccolto quasi 180mila euro, con circa 12mila persone che hanno aderito. Ma i numeri sono in crescita continua, e prevedibilmente entro poche ore saranno saliti di molto. L’obbiettivo è difficile, servirebbero circa 320 milioni di euro al giorno per i prossimi 5 giorni per evitare la crisi, ma il manager è convinto che con questa idea si riesca a dimostrare come tutti possano fare qualcosa per i greci, con un esborso minimo.

Ricompense – Oltre alla soddisfazione di aver fatto qualcosa di concreto, donando qualcosa si riceverà in cambio un “premio” proporzionale alla cifra sborsata: con 3€ ognuno avrà una cartolina di Alexis Tsipras, il Primo Ministro greco. Con 6€ un’insalata greca, con 10€ una bottiglia di Ouzo e con 25€ un esemplare di vino greco. 160€ per una cesto di cibo greco, 5000€ per una vacanza per due persone ad Atene e per ultimo con 1.000.000€ tutte le ricompense precedenti e tanta gratitudine.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlamasel

    01 Luglio 2015 - 10:10

    credo che i greci facciano solo delle finte.vogliono andare con Putin

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    01 Luglio 2015 - 08:08

    e perche' noi italiani dovremmo pagare 3 euro per salvare i greci quando loro non fnno niente per salvarsi vogliono solo continuare a vivere al di sopra delle loro possibilita' ?? no , no , no gli italiani al massimo daranno i 3 euro allo stato italiano per tentyare di diminuire il debito pubblico , cosa difficile con i politici che ci ritroviamo

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    30 Giugno 2015 - 21:09

    questo Thom deve essere piu furbo del babau.....e se non riesce a raccogliere tutta la somma chiaramente puo' tenersela ....o restituisce?

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    30 Giugno 2015 - 20:08

    per la Grecia non c'è più tempo, Thom Feeney potrebbe però cominciare a raccogliere i denari per il salvataggio dell'Italia; 2000 miliardi di debito, diviso 500 milioni di abitanti fa: 4000 euro che ogni europeo, neonati compresi, dovrebbe versare. Se, invece ci limitiamo agli italiani, dovremmo versa solo 40 mila euro a testa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog