Cerca

Pagheremo i disastri dei banchieri

Bail-in, arriva l'ok della Camera: se la banca fallisce pagano i correntisti, in Italia il prelievo forzoso

Bail-in, arriva l'ok della Camera: se la banca fallisce pagano i correntisti, in Italia il prelievo forzoso

Ce lo chiede l'Europa, e noi eseguiamo. O meglio, la politica esegue: dal primo gennaio 2016 se una banca italiana si trovasse sul punto di fallire, a pagare per primi saranno i correntisti. E' quanto stabilito da una direttiva comunitaria che introduce le nuove norme per il cosiddetto bail-in, coinvolgendo creditori e azionisti. L'ok è arrivato da Montecitorio. A pagare, dunque, in caso di crac-bancaria, sarà chi ha un deposito superiore a 100mila euro: lo Stato, in caso di emergenza, si prenderà i vostri soldi (qualcosa che ricorda quanto accadde nel 2013 a Cipro). In Italia, dunque, arriva il prelievo forzoso, anche se il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, prova subito a depotenziare la teoria: "Nessun prelievo forzoso - ha affermato il Tesoro - ma più tutele di prima". Sempre secondo via XX Settembre, la normativa non potrebbe provocare perdite maggiori rispetto all'impianto vigente in caso di liquidazione coatta di un istituto. Per inciso, la nuova legge, esclude dal bail-in anche le passività garantite, le cassette di sicurezza i crediti da lavoro e quelli dei fornitori.

Le posizioni dei partiti - Nel dettaglio, il provvedimento prevede uno specifico ordine di intervento: in breve, i primi a pagare saranno sempre gli azionisti dell'istituto. Il principio-cardine (e sinistro) è comunque chiarissimo: a pagare le perdite delle banche per primi sono i privati, e non gli Stati, come avvenuto agli apici della crisi in Spagna o in Inghilterra (in Italia, ad oggi, a causa della crisi le banche non hanno mai ricevuto titoli di Stato; il caso Mps è una questione differente). Come detto, sullo spaventoso principio del bail-in è arrivato il via libera della Camera: 270 i sì, 133 contrari, 22 astenuti. Contraria Forza Italia e Movimento 5 Stelle. Duro anche Elio Lannutti, presidente di Adusbef, che spiega come d'ora in avanti i disastri dei banchieri verranno pagati dai privati. Il Pd, da par suo, si difende con Marco Causi, capogruppo in commissione Finanze, che derubrica le polemiche a "pura disinformazione a scopo scandalistico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    18 Luglio 2015 - 19:07

    ancora con sta puttanata del prelievo forzoso

    Report

    Rispondi

  • selenikos

    18 Luglio 2015 - 10:10

    a giulio mallardo Davvero divertente come, nella sua ignoranza, lei ha scritto la parola "cash"........il resto è troppo per poterlo commentare......Le offro solo un aiuto: se per lei possedere qualcosa è un peso, se ne liberi e lo dia a me.......accetto tutto; appartamenti, sfitti, con inquilino moroso.....le spese di trapasso le pago io.....

    Report

    Rispondi

  • selenikos

    18 Luglio 2015 - 07:07

    Preferireste perdere tutti i soldi del vostro conto corrente?

    Report

    Rispondi

  • selenikos

    18 Luglio 2015 - 07:07

    una legge giusta e a favore dei correntisti. Ricordiamoci che se fallisce la banca i correntisti perdono i loro soldi. Non si può certo credere che i direttore della Banca (anche se responsabili) abbiano i soldi per rifinanziare la banca. Il fatto che i correntisti siano chiamati a pagare è come un'assicurazione. Io pago un premio per salvaguardare tutti....

    Report

    Rispondi

    • info

      18 Luglio 2015 - 09:09

      Credo tu sia un deficiente. Un correntista ha un deposito che non corrisponde assolutamente ad una mappata di banconote in un cassetto ma è una semplice scrittura contabile elettronica che in caso di fallimento di una banca si trasferisce d'imperio con la medesima scrittura contabile elettronica in altra banca. Fai pagare azionisti e dipendenti per primi e separi speculazione da depositi clienti.

      Report

      Rispondi

      • selenikos

        18 Luglio 2015 - 13:01

        a info: a parte la sua educazione che si è svelata insultandomi, quello che lei dice non c'entra niente ed è falso. Non è vero che in caso di fallimento le scritture contabili si trasferiscano "d'imperio" (bella questa espressione, dove l'ha trovata?) in un altra banca. E quando mai? Lo chieda ai correntisti del vecchio Banco Ambrosiano.....

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

blog