Cerca

Buco milionario

In Sicilia il bollo auto non lo paga nessuno: tanto ci pensiamo noi

In Sicilia il bollo auto non lo paga nessuno: tanto ci pensiamo noi

Un miliardo, duecentosettantaquattro milioni, centocinquantamila e duecentoventi euro. Che «depurati da sgravi vari, sospensioni e contribuenti deceduti, si riducono a euro 762.262.850». Ovvero 150 euro esatti per ogni siciliano, neonati inclusi. Tu chiamale, se vuoi, evasioni. Innocenti evasioni, dato che le possibilità di essere acciuffati dagli incaricati di Riscossione Sicilia sono bassissime. Quel miliardo e passa, cifra iperbolica, è l’ammontare dei tributi dovuti dai siciliani per il possesso dei loro veicoli e non pagati tra l’anno 2000 e il 2012. Nello stesso periodo, per lo stesso tributo, nella stessa regione, sono state infatti «riscosse somme solo per 169.512.013 euro». Meno del 12% del totale. Numeri e ammissioni che appaiono per la prima volta negli atti della giunta siciliana, grazie alla relazione che accompagna il disegno di legge sulla regionalizzazione della tassa automobilistica. Provvedimento con cui Alessandro Baccei, assessore per l’Economia di Rosario Crocetta, spera di invertire la rotta a partire dal prossimo anno.

In attesa di vedere se la medicina funziona almeno un po’, la diagnosi conferma la estrema originalità della gestione finanziaria della Regione, che a fronte di un debito destinato a raggiungere i 7,9 miliardi a fine 2015 (ma negli angoli bui delle contabilità locali potrebbero nascondersi orrende sorprese), a spese sanitarie pari a 9,2 miliardi l’anno (il 46% delle uscite regionali) e alla incapacità di riscuotere persino un tributo “facile” come quello sull’auto, con sprezzo del ridicolo mette in conto al Servizio sanitario anche quel particolare intervento di chirurgia estetica noto come «sbiancamento anale» (uno dei motivi per cui nei giorni scorsi la procura di Palermo ha fatto arrestare il primario Matteo Tutino, medico personale di Crocetta).

È una buona metafora, questa storia del bollo auto in Sicilia, per spiegare l’incapacità (o l’assenza o la connivenza) delle istituzioni nell’isola. In teoria, evaderlo è impossibile: accanto alla targa di ogni veicolo appaiono il codice fiscale di chi lo possiede e il suo indirizzo di residenza. Ma ci vuole la volontà di andarlo a cercare. E poi in Sicilia tutto sembra fatto apposta per aiutare chi non paga, inclusi i tempi del contenzioso: gli accertamenti per i bolli auto evasi nel 2009 sono stati notificati nel 2012 e iscritti a ruolo solo nel 2015.

È lo stesso Baccei, tecnico di scuola Ernst & Young, messo alle costole di Crocetta da Graziano Delrio, a trovare imbarazzante il confronto con le altre regioni. Col Veneto, ad esempio: il numero di veicoli è simile, anzi in Sicilia ce ne sono di più (4,2 milioni contro 3,9), eppure il gettito che il Veneto ricava dal bollo auto è più che doppio rispetto a quello della Sicilia: 696 milioni di euro contro 345,8 milioni.

Detta altrimenti, se la riscossione del tributo avvenisse con la stessa efficacia con cui è svolta in Veneto, a palazzo d’Orleans, sede della giunta di Crocetta, incasserebbero oltre 300 milioni in più ogni anno e non ci sarebbe stato bisogno di elemosinare una cifra identica presso il governo centrale, come avvenuto nei giorni scorsi. Con grande scandalo dei leghisti, che chiedevano a Matteo Renzi di dare quei soldi proprio al Veneto, colpito dalla tromba d’aria (da conservare, a proposito, le parole di Giovanni Ardizzone, presidente dell’assemblea siciliana e membro dell’Ucd: «I senatori leghisti pensassero al Veneto, regione in cima alla classifica per evasione fiscale»).

Normale, così, che il gettito ricavato in media dal bollo auto di ogni veicolo siciliano (mettendo nel conto anche quelli che non pagano, secondo la regola di Trilussa) sia pari ad appena 81 euro e risulti essere il più basso d’Italia. Il Veneto ne fa 179, il Piemonte 127, la Lombardia 120, l’Emilia-Romagna 134, il Lazio 136 e la Campania 96.

Il confronto con la Campania, che certo non è un modello di efficienza fiscale, è umiliante anche dal punto di vista dei costi: per la gestione delle tasse automobilistiche la Sicilia spende ogni anno 8,5 milioni di euro, mentre la Campania, scrivono i tecnici della giunta, «con un parco veicoli più numeroso, con procedure di aggiudicazione a terzi del servizio, ha costi pari a euro 3.850.000».
Adesso Crocetta e il suo assessore promettono di cambiare tutto. Claudio Melchiorre, esperto di economia siciliana e decano del movimento dei consumatori, è tra quelli che non ci credono: «Le famiglie siciliane vivono con meno di diecimila euro l’anno e non hanno alternative per spostarsi. La Regione chiede soldi che nessuno potrà pagare».

Fausto Carioti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • burago426

    15 Luglio 2015 - 16:04

    io lo dico spesso, che bisogna mettere sia il bollo che l'assicurazione sul prezzo del carburante. Ci eravamo abituati a pagarlo a quasi 2 euro al litro ed ora ne costa 1,6 media.Quindi più la usi e più paghi. Io che l'ho sempre nel box, non solo pago il bollo ma anche un surplus per la sua cilindrata poiché considerata inquinante. Una macchina che rimane ferma inquinante!!!! E quelli che girano?

    Report

    Rispondi

  • gio52

    15 Luglio 2015 - 11:11

    Mettete assieme tutte queste " prelibatezze o virtu" meridionali degli ultimi 60 anni e il risultato sara' pari al totale debito pubblico italiano !

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    15 Luglio 2015 - 10:10

    Dove sono quelli che : "la Grecia ha fatto i debiti e deve pagarseli".

    Report

    Rispondi

  • orconero

    15 Luglio 2015 - 10:10

    È la colpa è dei veneti......veri evasori.....

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      17 Luglio 2015 - 09:09

      Il nord evade di più. E l'Italia fa peggio della Grecia - Affari ...www.affaritaliani.it/economia/evasione-nord-sud170812.html 17 ago 2012 - E ad evadere sono soprattutto le regioni del nord, a partire da Lombardia e ... E' l'evasione fiscale nel Nord Italia secondo una nuova indagine .

      Report

      Rispondi

      • accanove

        17 Luglio 2015 - 14:02

        visto che ti piacciono i dati reali guardati le entrate fiscali per regioni e relativi ritorni, forse ti illuminerà sul perchè al nord si è stanchi di pagare per gli altri. Non capisco perchè se andiamo al cinema in due io pago anche per te e tu paghi forse e ridotto.

        Report

        Rispondi

        • bruno osti

          17 Luglio 2015 - 16:04

          tipica filosofia berlusconiana: visto che sono il massimo contribuente e verso miliardi di tasse, mi è lecito evaderne 7 milioni.

          Report

          Rispondi

Mostra più commenti

blog