Cerca

Obiettivo 2018

Revisione delle aliquote Irpef, il piano del governo: chi ci guadagna e quanto

Revisione delle aliquote Irpef, il piano del governo: chi ci guadagna e quanto

L'ultima tappa del piano fiscale triennale di Renzi è la riforma delle aliquote Irpef, schedulata per il 2018. La prima ipotesi è quella di sforbiciare l'aliquota tra i 28 ed i 55mila euro, portandola dal 38% al 35%, prevedendo poi una detrazione per i redditi più bassi. Costo: 10 miliardi di euro. Intervenire sullo scaglione più basso, fino a 15mila euro, portando l'aliquota dal 23% al 20%, significherebbe uno sforzo ancora maggiore, circa 12 miliardi. Il concetto è semplice: ripetere l'operazione 80 euro estendendola a più fasce, pensionati compresi. 

La simulazione - Secondo il Messaggero, sul tavolo del Ministero dell'Economia ci sarebbe già un dossier ancora più preciso: aliquota unica tra i 15mila e i 75 mila euro, al 27%. Sopra i 75mila euro, l'aliquota resterebbe al 43%, mentre sotto i 15mila si pagherebbe il 23%. Un sistema a tre sole aliquote molto simile alla "flat tax" salviniana e berlusconiana, con cui nel 2018 Renzi potrebbe trovarsi a combattere in campagna elettorale. E anche qui i tempi non sono casuali, perché proprio a ridosso delle urne i contribuenti italiani potrebbero ritrovarsi in tasca da 110 euro in più ogni 1.000 euro (per i redditi oltre i 28mila euro) fino a 140 euro ogni 1.000 (per i redditi sopra i 55mila euro). Sempre il Messaggero propone un esempio pratico: "Con un reddito di 40mila euro il risparmio sarebbe di 1.320 euro l'anno. A 50mila euro i risparmi salirebbero a 2.430 euro l'anno, a 60mila euro si raggiungerebbero i 3.500 euro di minori tasse".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ivmanara

    21 Luglio 2015 - 17:05

    Sarebbe meglio che stesse zitto e raccontasse meno balle, questo vuole ridurci in miseria, se andiamo avanti così ci daranno la tessera per comprare i beni di prima necessità .

    Report

    Rispondi

  • spiders

    19 Luglio 2015 - 15:03

    quell'aliquota del 27% è una pura follia chi ha un reddito di 15.000 euro paga come uno che ne ha 75.000 siamo pazzi o alle comiche demenziali. rivoluzione adesso!

    Report

    Rispondi

    • morello

      20 Luglio 2015 - 06:06

      Amico,possibile che non capisci che un'aliquota fissa e' gia 'di per se ' progressiva? E' su questo concetto che si basa la flat tax. La rivoluzione falla da solo!

      Report

      Rispondi

      • homonovus

        20 Luglio 2015 - 18:06

        Si parla di imposta proporzionale nel caso in cui l'ammontare dell'imposta cresce in relazione direttamente proporzionale all'aumentare dell'imponibile. In questo caso l'aliquota risulta essere costante. Si parla di imposta progressiva quando l'aliquota media aumenta in relazione più che proporzionale rispetto all'aumentare dell'imponibile, come accade per l'IRPEF. La flat tax è proporzionale.

        Report

        Rispondi

    • brancati66

      19 Luglio 2015 - 17:05

      Peccato però che chi ha un reddito di 15.000 Euro paga 4.050 euro di tasse mentre chi ha un reddito di 75.000 paga 20.250 euro. Cioè quello che ha 75.000 di redito paga come quello che ne ha 15.000????

      Report

      Rispondi

      • gilulugi.gl

        20 Luglio 2015 - 15:03

        Sono tutti stupidi gli altri principali Paesi europei in cui anche le aliquote sono progressive. Noi invece siamo i soliti furbetti che vohgliamo arrampicarsi sui vetri (per mantenere i privilegi).

        Report

        Rispondi

  • lbarsanti

    19 Luglio 2015 - 13:01

    Chi conosce il meccanismo fiscale sull'Irpef, dovrebbe sapere che l'unico sistema equo non è quello di intervenire sulle aliquote ( cosa di cui beneficerebbero anche i redditi alti ), ma di modificare le detrazioni sul reddito attuali unificandole in una detrazione maggiorata che, come le attuali, si riduca progressivamente con l'aumentare del reddito fino ad azzerarsi.

    Report

    Rispondi

blog