Cerca

La nota del Ministero

Condizionatori, chi ha l'obbligo di libretto e manutenzione. Come funzionano ecobonus, detrazioni e conto termico

Condizionatori, chi ha l'obbligo di libretto e manutenzione. Come funzionano ecobonus, detrazioni e conto termico

La maggior parte dei condizionatori non ha l'obbligo del libretto di impianto e manutenzione in quanto non supera la potenza di 12 kw. Lo precisa in una nota il Ministero dello Sviluppo economico, aggiungendo che l'Italia ha introdotto, al fine di adeguarsi alle direttive europee, prescrizioni per il miglioramento dell'efficienza energetica nel condizionamento per tutelare l'ecosistema e favorire risparmio economico e competitività. "Quanto a impianti di maggior potenza installati presso gli esercizi commerciali - chiarisce il Mise -, occorre evidenziare che a fronte della spesa per la corretta manutenzione, vi sono importanti vantaggi. Infatti, oltre a garantire la sicurezza, la riduzione dei consumi per il miglioramento dell’efficienza comporta una riduzione della spesa per la bolletta energetica".

Gli incentivi - Per quanto riguarda gli incentivi, il Ministero segnala che sono a disposizione dei cittadini e delle imprese diversi strumenti di agevolazione: "Il cosiddetto ecobonus garantisce la detrazione fiscale del 65% delle spese sostenute per la sostituzione di condizionatori con impianti più efficienti. Inoltre, le detrazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia consentono di detrarre il 50% della spesa per l'acquisto di nuovi impianti. Un ulteriore strumento particolarmente adatto alle imprese che intendono sostituire gli impianti di condizionamento con altri più efficienti è il cosiddetto conto termico che mette a disposizione incentivi per gli impianti a fonti rinnovabili".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    27 Luglio 2015 - 16:04

    Anche ammesso che i maggiori costi siano riservati agli impianti superiori ai 12 kw, provate a chiedervi dove i supermercati scaricheranno queste ulteriori spese. Ovviamente sui prodotti in vendita, quindi su tutti noi consumatori. Grazie Renzi. Alla prossima !

    Report

    Rispondi

  • allianz

    25 Luglio 2015 - 20:08

    TUTTE e dico TUTTE mink^^^te.Il merdaio europeo ha si evacuato una direttiva nella quale ha dato precise indicazioni,ma la sala aborti montecitoriana in cui le TdC proliferano come i batteri nella saliva dei Draghi di Comodo,l'ha modificata,di fatto equiparando gli impianti di climatizzazione con gli impianti termici.Se questi ba**di non fanno marcia indietro ci ammazzeranno di caldo.

    Report

    Rispondi

blog