Cerca

Gigante in crisi

Cina, borse ancora a picco: la bolla speculativa mette in ginocchio Pechino

Cina, borse ancora a picco: la bolla speculativa mette in ginocchio Pechino

Torna la paura per la bolla speculativa in Cina: apre la settimana in forte calo la Borsa di Shanghai, ai minimi dal 2007. L'indice Composite ha chiuso oggi in calo dell'8,48%, a 3.725,56 punti, segnando la performance peggiore in una singola seduta degli ultimi otto anni. I titoli cinesi si sono mossi per tutta la giornata in territorio negativo: Shanghai aveva aperto la seduta pomeridiana in ribasso del 3% dopo la pubblicazione del dato della produzione industriale cinese per il mese di giugno, che ha segnato un calo dello 0,3% su base annua, in controtendenza rispetto al dato di maggio che registrava un avanzamento dello 0,6%su base annua. L'indice Composite aveva aperto in ribasso del 2,1% la seduta di oggi, a 3.985,57 punti. A trainare al ribasso la Borsa di Shanghai soprattutto i titoli del settore finanziario e dei metalli non ferrosi, scrive l'agenzia Xinhua. Le perdite si sono estese negli ultimi minuti di contrattazione. 

Fiducia a picco - In forte calo anche la Borsa di Shenzhen, che perde il 7% in chiusura, a 2.160,09 punti. L'indice Hang Seng della Borsa di Hong Kong segna una flessione del 3,28% a 2.4305,23 punti. Settimana scorsa, la Borsa di Shanghai aveva registrato la più lunga striscia di risultati positivi dal maggio scorso, prima dell'inizio della crisi dei mercati, che ha portato a tremila miliardi di dollari di perdite in poche settimane. Il pesante calo di oggi, secondo gli analisti, è da imputare in primo luogo alla scarsità di fiducia degli investitori nella tenuta delle Borse dopo il crollo di giugno-luglio che ha spinto in molti a vendere per riscuotere i profitti, dopo che l'indice Composite era tornato sopra i quattromila punti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    27 Luglio 2015 - 13:01

    Non preoccupatevi...Sono solo le prime crepe....Il bello deve ancora venire.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    27 Luglio 2015 - 12:12

    prima il rublo,adesso la cina,ma quanto costano questi crac a maoberlusca?

    Report

    Rispondi

  • tofani graziano

    27 Luglio 2015 - 11:11

    Progresso troppo tumultuoso,inevitabile cio' che accade,scene gia' viste in altre parti del mondo

    Report

    Rispondi

blog