Cerca

La proposta

Il disegno di legge che propone un'amnistia fiscale

Il disegno di legge che propone un'amnistia fiscale

Per ora è solo una proposta. Anzi, un disegno di legge presentato al Senato dal gruppo Gal. Il primo firmatario è Giovanni Mauro. L'idea è quella di aiutare tutte quelle persone che, non volendo frodare il fisco, fanno fatica ad andare avanti schiacciati dalla crisi economica.  La proposta lanciata da Mauro di cui parla il quotidiano La Stampa è quella di un'amnistia fiscale per i crediti vantati dallo Stato inferiori a 50mila euro. "Colgo la sofferenza quotidiana di persone che vogliono lavorare e che non vogliono fregare il fisco, ma che non riescono ad andare avanti per i gravi colpi inferti dalla crisi economica", spiega Mauro. Un disegno di legge che ha sollevato non poche polemiche ma che, come ha sottolineato Mauro, ho solo lo scopo di aiutare le persone in difficoltà economica. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    27 Luglio 2015 - 17:05

    Mungere la vacca senza latte è inutile e perverso. Concordo perfettamente con l'idea di condonare tutti i debiti di coloro che non sono veramente in grado di pagarli, né ora, né mai. TUTTI I DEBITI, non solo le imposte.

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    27 Luglio 2015 - 17:05

    Siamo alla frutta: chi non paga è furbo,chi paga è coglione

    Report

    Rispondi

  • gagimaior

    27 Luglio 2015 - 14:02

    E' anticostituzionale eventualmente pagate voi con una parte dei i soldi che percepite stando seduti alla camera

    Report

    Rispondi

  • wall

    27 Luglio 2015 - 14:02

    Caro Governo; tu sai già chi le tasse le evade per necessità e chi le evade per non pagarle!! Quando lo Stato non paga le società e piccoli e grandi imprenditori che si sono uccisi per poi accanirsi sui loro familiari per chiedere e poi chiedere ancora cosa? La "vita" hanno dato per l'Italia per Vostra causa di inneficienza contabile in quanto legati ad una europa del fallimento.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog