Cerca

Oltre ai postini, consulenti finanziari

Poste, nuovo piano assunzioni

In vista dell' imminente quotazione in Borsa (sul mercato andrà fino al 40% del capitale del gruppo), Poste Italiane dà il via a un corposo programma di inserimenti: tra contratti a tempo determinato e indeterminato a "tutele crescenti", l' azienda guidata da Francesco Caio ha impresso un deciso colpo di acceleratore al reclutamento di personale specializzato e qualificato, operazione annunciata dal Piano strategico Poste 2020 firmato dall' amministratore delegato, che prevede la creazione di 8mila nuovi posti di lavoro a regime nei prossimi cinque anni. In seguito all' approvazione del Jobs Act, sin dai primi mesi di quest' anno Poste Italiane ha sfruttato le opportunità offerte dalla riforma del mercato del lavoro, assumendo nel primo semestre 2015 oltre 3mila giovani con contratti a tempo determinato.


A questi si aggiungono 50 contratti a tempo indeterminato a tutele crescenti, stipulati con personale di profilo professionale qualificato che è stato destinato agli uffici della direzione centrale. Si tratta di rinforzi importanti sia per le attività di recapito della corrispondenza sia per l' organico di uffici postali (e non solo per coprire il turnover stagionale, viste le necessità di rimpiazzare il personale in ferie e garantire ugualmente un adeguato standard di servizio). Anche la ripartizione delle forze rappresenta un altro segnale positivo.


Gli oltre 3000 assunti a tempo determinato sono stati distribuiti equamente su tutte le aree geografiche del paese, sia i portalettere sia gli addetti allo sportello e i consulenti finanziari che lavorano negli uffici postali. Secondo alcune indiscrezioni trapelate dal quartier generale dell' Eur, per molti di quei dipendenti sarebbe elevata la probabilità di essere confermati con un contratto a tutele crescenti. Il numero di assunzioni sarà sostenuto anche nel secondo semestre dell' anno. Nei piani della Direzione Risorse Umane si parla infatti di aprire le porte dell' azienda a circa 3000 nuovi addetti, assunti a tempo determinato, i più destinati ai servizi di recapito della corrispondenza (2500), mentre altri 600 circa svolgeranno in tutta Italia servizi di consulenza finanziaria per risparmio e investimenti (area di business ritenuta fondamentale da Poste Italiane).
Infine, il culmine di questa fase espansiva dell' azienda è rappresentato dalle oltre 500 assunzioni a tempo indeterminato di nuovi professionisti specializzati con elevate competenze linguistiche, che andranno a ricoprire posti chiave nello scacchiere aziendale: questo affinché - in vista del già citato ingresso in Borsa - l' azienda assuma un nuovo profilo e spessore internazionale.
L' azienda non ha dunque perso tempo, attuando un irrobustimento dell' organico aziendale approfittando delle misure normative introdotte dal Jobs Act - in particolare sul contratto a tutele crescenti che ne rappresenta la principale novità - che con la sua iniezione addizionale di flessibilità ha creato nuove opportunità di lavoro. 
Oltre ai postini, consulenti finanziari Nel 2015 seimila contratti a tempo, di questi oltre 500 diventeranno indeterminati Nuovo piano assunzioni in Poste Francesco Caio.

Andrea Emmanuele Cappelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog