Cerca

Economia e mercati

Crisi Cina e Brics, cosa succede se la Federal Reserve Usa alzerà i tassi del dollaro

Crisi Cina e Brics, cosa succede se la Federal Reserve Usa alzerà i tassi del dollaro

La parola chiave per cercare di capire la grande paura dell'estate 2015è deflazione. I pressi delle materie prime calano in modo vorticoso: petrolio, metalli, settore agricolo. I grandi paesi produttori, in questo modo, si impoveriscono ed importano meno dagli altri paesi, in un circolo vizioso. La Cina, per ora, sta cercando di risolvere la crisi svalutando lo yuan ma rischia di essere un boomerang perché in un momento di stallo globale ha innescato la stessa reazione nei Paesi emergenti, dal Brasile alla Russia fino al Sudafrica. E se a fare lo stesso sarà la Federal Reserve americana il risultato potrebbe essere un colpo di grazia all'economia globale perché appesantirebbe la crisi dei debiti sovrani dei Brics e di tutti quei colossi energetici che hanno per metà il loro debito in dollari americani. 

La mossa della Fed - Tutto lascia pensare che la Fed alzerà i tassi del dollari per la prima volta negli ultimi 10 anni. Aveva deciso di continuare a tagliarli nel pieno della tempesta Lehman Brothers, che sembrava il punto più basso della finanza mondiale. Scelta giusta, in quel momento, e che ha alimentato il boom di Cina e Paesi emergenti. Ora la palla torna di nuovo agli Usa e alla numero uno della Fed Janet Yellen, ed è un'azione che non si può sbagliare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    22 Agosto 2015 - 11:11

    appunto la Brics ne risente, per questo la Cina contava sulla rivalutazione dello yuan a livello del dollaro visto che il motore della globalizzazione è l'economia cinese. La Cina vuole staccarsi dal dollaro. Insomma come l'eurozona è succube del dollaro, la Cina si è resa conto che anche essa è stata abusata dagli Usa Ora non ci sta più, perché con la Brics lo yuan non sarebbe legato al dollaro

    Report

    Rispondi

  • fatti neri

    22 Agosto 2015 - 09:09

    non a caso le valute dei paesi poco interessati dal fattore yuan e con scarso debito si stanno ulteriormente apprezzando, come il dollaro australiano.

    Report

    Rispondi

blog