Cerca

Borsa ed economia reale

Deflazione ed euro forte: le due grandi paure per l'Europa dallo sboom della Cina

Deflazione ed euro forte: le due grandi paure per l'Europa dallo sboom della Cina

La parola chiave per comprendere le grandi paure che agitano la finanza mondiale, oggi e soprattutto domani, è deflazione. I prezzi calano (e sarebbe una buona notizia per i consumatori) perché c'è poca domanda (ergo: non ci sono abbastanza consumatori), di conseguenza entrano in sofferenza i produttori (costretti a produrre di meno e a incassare di meno) e lo Stato (meno tasse da mungere alle imprese, meno incassi dall'Iva). È quanto rischia di accadere in Cina ed è già accaduto in Italia e in Europa, che non a caso lo scorso marzo ha reagito con l'iniezione da 350 miliardi di euro del Quantitative Easing fortemente voluto da Mario Draghi.  Come ricorda anche Federico Fubini sul Corriere della Sera, l'obiettivo dell'inflazione al 2% (tasso fisiologico, salutare) è ancora lontano, ma l'Eurozona respira. Il guaio è che ora tutto potrebbe peggiorare. L'indice 5y5y forward, che "predice" l'inflazione tra 5 anni per i 5 successivi, è all1,61%, più basso di un anno fa, quando Draghi si disse preoccupato perché, appunto, troppo basso. Si sente puzza di deflazione. 

Euro debole, euro forte - C'è poi un altro fronte delicatissimo che preoccupa l'Europa e rischia di farla cadere di nuovo. L'euro, fino a oggi, aveva goduto di una debolezza molto utile per i paesi esportatori (la Germania, certo, ma anche l'Italia). Il guaio è che la svalutazione della Cina sullo yuan (oggi Pechino ha abbassato i tassi di un ulteriore quarto di punto) si accompagna a quella degli altri paesi Brics ed emergenti (la Russia, il Brasile). Per questo molti investitori potrebbero ripiegare sull'euro come "moneta-rifugio", rendendola troppo forte e penalizzante per chi esporta. L'Italia, appunto. In un circolo vizioso in grado di ri-bloccare non solo la finanza, ma pure l'economia reale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antikitera2005

    28 Agosto 2015 - 09:09

    Speriamo nella deflazione, quella si che è salutare, non il rubarmi il 2% di potere di acquisto ogni anno.

    Report

    Rispondi

  • contenextus

    26 Agosto 2015 - 17:05

    Io non temo la deflazione, ma la auspico. E' una deflazione che deriva da manipolazioni monetarie e di mercato spaventose e continuate per decenni, ormai. Manipolazioni che hanno determinato i guasti che sempre più frequentemente affliggono i mercati finanziari e l'attività economica reale. Boom and bust.

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    25 Agosto 2015 - 21:09

    Che cazzo volete che capisca un SERVO della merkel? È un SERVO e un SERVO NON può capire essendo un ignorante. Un buon cvonfine passante, come parallelo, su Aulla e facciamola finita. Naturalmente RIMPATRIO degli originari di quelle zone che abbiano problemi con la giustizia. Anche i magistrati DEVONO ESSERE AUTOCTONI, COME PURE GLI IMPIEGATI DELLA PA, DELLA POLIZIA, FINANZA E FORZE ARMATE.

    Report

    Rispondi

  • nellomaceo

    25 Agosto 2015 - 15:03

    Da tempo dico che l'Euro è una disgrazia specie senza Dazi a proteggere le produzioni nazionali ed il lavoro.Ho detto che possono inventarle e dire quello che vogliono i testa di cazzo della economia globale,ma sarà vano e sempre di più si abbatterà sull'Italia un collasso economico con sviluppi che porteranno al terrorismo ed altro.Purtroppo sarà questo il futuro e vedo nero.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog