Cerca

Mea culpa

Cina, costretto a pubblica umiliazione e arrestato il giornalista finanziario che ha causato il crollo della borsa

Cina, costretto a pubblica umiliazione e arrestato il giornalista finanziario che ha causato il crollo della borsa

Ha fatto un mea culpa davanti all'obiettivo delle telecamere della televisione pubblica. Wang Xialou è un giornalista finanziario cinese che lavora per la rivista Caijing, una delle più influenti del settore, ed è stato arrestato per aver diffuso notizie false che hanno determinato il crollo della borsa cinese, il tonfo del 40% rispetto al mese di giugno che ha scosso i mercati di tutto il mondo. Oltre a lui, circa 200 fra manager e operatori di borsa sono stati arrestati per aver diffuso sul web informazioni che hanno minato alle fondamenta l'equilibrio della borsa di Pechino.

Mea culpa - La gogna pubblica cui il giornalista si è dovuto sottoporre - apparire in video e confessare la propria responsabilità per il picco negativo della borsa - fa in realtà sospettare della sua effettiva colpevolezza. Queste le sue parole: "Non avrei mai dovuto pubblicare l'articolo che poi ha avuto una influenza negativa sul mercato in un momento molto delicato... Sono molto dispiaciuto". Sarebbe stato costretto a negare la veridicità delle informazioni contenute nel suo articolo pubblicato il 20 luglio, e nel quale Wang Xialou aveva scritto che la commissione cinese per la sicurezza e il regolamento (Csrc) stava pensando di ritirare i fondi dal mercato azionario. La Csrc aveva negato qualsiasi tipo di intenzione in questo senso, ma la soffiata avrebbe ugualmente avuto le sue pesanti e immediate conseguenze sulla borsa del paese. La borsa di Pechino ha visto andare in fumo 3000 miliardi di dollari. Prima di Wang Xialou, sarebbe stato costretto a un'ammissione di colpevolezza in diretta tv anche Liu Shufan, funzionario della Csrc.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    31 Agosto 2015 - 17:05

    Quanto prima, " il mea culpa " pubblico con sputtanamento generale, lo vedrete fare da Renzi. Per ora lasciatelo illudersi, ma ben presto l'inciampo arriverà con un tonfo profondo. Impariamo dai cinesi come si trattano certi soggetti che incidono negativamente sulle vicissitudini del paese.

    Report

    Rispondi

blog