Cerca

Senza limiti

Sergio Marchionne prepara la scalata (ostile?) a Gm: con Fca colosso da 15 milioni di auto l'anno

Sergio Marchionne

Non si pone più limiti, Sergio Marchionne. L'ultimo progetto? La scalata - definitiva - nel mondo dell'auto, con il take over di Fca su General Motors. Una scalata ostile, dunque, orchestrata dal manager italocanadese nei confronti della più grande azienda di auto degli Stati Uniti, il simbolo dell'intero settore, poiché per quasi un secolo è stata il più grande costruttore del pianeta (e, oggi, compete con Toyota e Volkswagen per la leadership planetaria).

La considerazione "regina" - Se fino a qualche settimana fa l'ipotesi sembrava fantaeconomia, oggi è assai più probabile. Marchionne ha delinato il piano, che muove da una considerazione "regina": Fca e Gm sono due partner perfetti, le nozze non possono essere rimandate. Molti analisti sostengono, ora, che l'operazione sia possibile. In caso di nozze, con la fusione Fca-Gm, nascerebbe un gigante da 15 milioni di veicoli, in grado di generare impressionanti sinergie e un flusso di cassa di 30 miliardi di dollari all'anno.

Le scintille - Le posizioni, però, restano distanti. Ed è per questo, dunque, che si vocifera sull'ipotesi di una scalata ostile. Dopo non aver ricevuto risposte alle prime richieste per discutere l'argomento, Marchionne ha usato per qualche tempo toni distensivi con i manager di General Motors, per poi uscire allo scoperto spiegando che sarebbe "irragionevole non forzare". Frasi che hanno scatenato la stizzita reazione del management Gm: "Noi pensiamo sempre agli azionisti e per loro il nostro piane è migliore di quello di Marchionne", hanno spiegato. La sfida è appena iniziata. E difficilmente, Marchionne, da una sfida ne esce sconfitto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Villanaccio

    28 Settembre 2015 - 23:11

    Sicuramente quelli della GM non ne vogliono sapere ricordando che Marchionne non molto tempo fa per rinunciare a comprare un allora ferrovecchi della Fiat gli aveva scucito piu' di un miliardo di dollari. Dollari che alla fine sono serviti per risollevarsi e vincere con Chrysler una bella sfida. Farsi comprare da una azienda che prima doveva comprare Fiat , giustamente per GM non e' il massimo.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    03 Settembre 2015 - 18:06

    Forza Marchionne, speriamo che tu ce la faccia. Il prossimo traguardo e' liberarti dalla zavorra della sanguisuga della Famiglia Agnelli.

    Report

    Rispondi

  • corrgio

    03 Settembre 2015 - 15:03

    Mi ricorda di quel giocatore, abilissimo in tutta la vita nel gioco delle carte a sette e mezzo dove sfidava tutti riuscendo, sempre e comunque, ad ottenere un "sette e mezzo" (con la matta per giunta!) fino a che, sicurissimo dell'infallibilità, affrontava una sfida mettendo in gioco tutti i suoi beni passati, presenti e.....futuri ma facendo, per la prima volta nella sua vita, un "otto".... .....A meno che non intervengano i partners con cui la famiglia Elkann sta brillantemente riposizionando i propri affari....

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    03 Settembre 2015 - 11:11

    Sta a vedere che va a finire proprio cosi, la Fiat, semi distrutta e fallimentare che chiede alla GM di acquistarla. La GM paga fior di quattrini per non acquistarla e dopo alcuni anni viene a sua volta acquistata dalla Fiat. Strane cose.. la realtà è che EXOR sta facendo di tutto per scarricare la FIAT, la mette con Chrysler, che poi la fonda con GM, e cosi vendon le loro quote e se ne liberano.

    Report

    Rispondi

    • Happy1937

      03 Settembre 2015 - 18:06

      E almeno tutti ci liberemo degli Agnelli. Fino ad ora, dopo la creativita'' del fondatore anche se poco "fare" nei confronti dei suoi finanziatori, sono stati solo delle grandi sanguisughe.

      Report

      Rispondi

blog