Cerca

L'occhio del Fisco

Bancomat, marcia indietro sulla sanzione sui prelievi: resta però il rischio di contestazioni

Bancomat, marcia indietro sulla sanzione sui prelievi: resta però il rischio di contestazioni

Nel mirino dell'Agenzia delle Entrate ci sono i liberi professionisti, nel dettaglio i loro movimenti bancari senza giustificativo. In materia, come spiega Il Sole 24 Ore, arriva un pacchetto di novità: nei controlli anti-evasione il Fisco potrà avviare indagini finanziarie nei confronti di lavoratori autonomi e titolari di reddito di impresa. Occhio ai prelievi non contabilizzati o di cui non viene indicato il beneficiario, poiché sono considerati come maggiori compensi o ricavi: in assenza di giustificazione, il Fisco riterrà che la somma prelevata sia stata utilizzata per acquisti in nero, che hanno dunque consentito di produrre beni o servizi venduti a loro volta in nero.

Modifiche - Nello schema del decreto di riforma delle sanzioni amministrative tributarie citato dal quotidiano di Viale Monterosa, viene confermata la presunzione legale che attribuisce ai prelievi non giustificati dei titolari di reddito di impresa il valore di ricavi non dichiarati: in questa chiave, però, è stata cancellata la sanzione dal 10 al 50% dell'importo del prelievo, che era stata prevista in caso di omessa o inesatta indicazione del beneficiario dei prelievi non transitati nelle scritture contabili.

Prova contraria - Inoltre, i titolari di impresa interessati dai controlli fiscali sui versamenti e sui prelievi bancari non giustificati saranno chiamati a fornire la prova contraria; tale prova non potrà essere generica, ma è necessaria una dimostrazione sulle "diverse cause giustificative degli accrediti e dei prelievi" (come recentemente precisato da una sentenza della Cassazione). La questione riguarda anche le categorie più affini al lavoro autonomo, come il caso degli agenti di commercio, mediatori immobiliari, procacciatori d'affari e promotori finanziari, retribuiti di norma attraverso provvigioni sugli affari conclusi.

La circolare - Chi, in regola, punta a difendersi, troverà utile quanto affermato dalle stesse Entrate nella circolare 32/E/2006: in base al documento redatto dall'Agenzia delle Entrate, "i verificatori devono astenersi da una valutazione rigida dei dati acquisiti, non trascurando le eventuali dimostrazioni, anche di natura presuntiva, che trattasi di spese non aventi rilevanza fiscale sia per la loro esiguità, sia per la loro occasionalità e, comunque, per la loro coerenza con il tenore di vita rapportabile al volume di affari dichiarato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • edolinus

    06 Ottobre 2015 - 08:08

    non fanno prima ad impiccare tutti i liberi professionisti, i commercianti e lavoratori autonomi in genere? Chi sopravvive è innocente chi muore è colpevole. questo controllo serrato, opprimente, poliziesco, farsesco e vagamente fascista non porterà a niente di buono. Più stringi la corda e più ci si tende a liberarsi. Valutare l'idea di tasse più giuste no???

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    05 Ottobre 2015 - 17:05

    evidentemente alla magioranza degli italiani, tutti gli statali questa regola sta ben, in quanto non riguarda loro perché non hanno mai prodotto NIENTE, riguarda solamente in piccoli pidocchiOsi che già ora non scappano con niente, mentre le grandi spa e le coop nessuno le fa pagare PERCHé? vuoi vedere cha anche i così detti giudici rossi sono in torta, ma i controlli per loro QUANDO?

    Report

    Rispondi

  • blues188

    05 Ottobre 2015 - 16:04

    Ora si capisce meglio qual'era il piano di Monti, il 'salvatore' della Patria messo da Napolitano al posto del beduino Berlusca. Il piano era di controllare tutto tutto tutto e lo si poteva fare unicamente se siamo obbligati a mettere i soldi in banca. Il bello è che i vari comunisti vengono a scrivere qua ancora sulle olgettine, i venduti.

    Report

    Rispondi

  • rocc

    05 Ottobre 2015 - 16:04

    effettivamente siamo in un paese comunista, nel senso che le tasse sequestrano quasi tutto il reddito arrivando in certi casi al 70% del reddito; ricordo che per millenni le tasse sul reddito erano il 10%, la famosa decima, ma quelli erano tempi bui....comunque gli stranieri migranti non pagano nessuna tassa nè irpef nè iva nè niente

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog