Cerca

Terremoto all'Eurotower

Bce, il capo economista Peter Praet: "L'euro è stato un fallimento"

Mario Draghi

"L'euro non funziona, parola del capo economista della Bce". Un titolo, quello del sito del Wall Street Italia, che equivale a un terremoto. Uno degli uomini agli apici dell'Eurotower afferma che la moneta unica è un fiasco. Sì, Peter Praet lo ha fatto nel corso di una conferenza in Germania, dove ha spiegato che, da quando è stato introdotto l'euro, l'economia di Eurolandia è andata sgretolandosi. E per confermare le sue teorie ha diffuso una serie di esaustivi grafici, in cui si confrontavano le situazioni di Usa ed Europa (inutile sottolineare come il Vecchio Continente perdesse su tutta la linea).

La spiegazione - In estrema sintesi, i grafici di Praet spiegavano che le aspettative di crescita dell'economia europea continuano a diminuire. Poi dito puntato contro il decremento del livello di produttività, ora più bassa rispetto al 2007 (il confronto con gli Stati Uniti è impietoso). Dunque le cifre relative al credit crunch, il crollo dei prestiti bancari. Non può mancare il grafico sulla disoccupazione, schizzata in tutta Europa da che moneta unica fu. Nell'analisi di Praet, le slide dedicate ai senza lavoro erano tra quelle definite più incisive, e nel suo discorso il capo economista della Bce ha lasciato intendere come il suo stesso istituto, per statuto, possa fare ben poco contro la disoccupazione (a differenza della Fed Usa ha come solo obiettivo e margine d'azione la stabilità dei prezzi): un'altra critica, e neppure troppo velata.

Euro demolito - Insomma, uno dei massimi dirigenti della Banca centrale europea, de facto, ha demolito l'euro. Tanto che da Praet ci si aspettava una smentita alla ricostruzione del Wall Street Italia, soprattutto perché Mario Draghi, presidente della Bce, aveva appena sostenuto che "la ripresa procede in modo graduale" anche grazie al quantitative easing, ovvero grazie all'istituto centrale. La smentita, però, non è arrivata.

Voluto da Draghi - Ma chi è, Peter Praet? Economista belga di 66 anni, nonostante i "siluri" contro la moneta unica è tutt'altro che un falco: dentro alla Bce non è uno degli avversarsi di Draghi. Anzi, è stato proprio Super Mario a nominarlo capo economista il 3 gennaio 2012, preferendolo a candidati più quotati, come il tedesco Jorge Asmussen e il francese Benoit Coeré. Eppure, oggi, le sue parole sono ben diverse da quelle di Draghi, che nei giorni più bui della crisi greca si spinse ad affermare che l'euro deve essere difeso "whatever it takes", a qualunque prezzo. No, per il capo economista della Bce l'euro è stato un fallimento. Un fallimento che ha raccontato in pubblico, per filo e per segno, con una lunga sequela di grafici con cui ha dimostrato come la moneta unica sia stata una sciagura. E se lo dice lui...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • irucangy

    11 Ottobre 2015 - 12:12

    Ma lo hanno detto a Renzi, Monti e pidioti in genere, che hanno fatto dell'euro una bandiera? La cosa vergognosa e' che di queste notizie su quel baraccone paludato e sprecasoldi della rai diretto dalla maggioni fresca di bildemberg non c'e' traccia, e su mediaset men che meno, l'euro fa troppo comodo al berlusca.

    Report

    Rispondi

  • Dax58

    11 Ottobre 2015 - 06:06

    Non sono un economista ma secondo me l'Euro centra ben poco. Io ritengo che la maggior colpa della crisi sia da ricercarsi sulla stretta imposta dagli istituti di Credito sulla liquidità Smettendo di erogare crediti sapevano che avrebbero dato inizio alla crisi è così facendo poi acquistavano beni dello stato a prezzi bassissimi ! Con la compiacenza di politi corrotti. Il tutto ha danno dei popoli

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    09 Ottobre 2015 - 18:06

    Che commenti, mamma mia ! Meglio che le massaie si dedichio alla cucina e non alle monete.

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    08 Ottobre 2015 - 14:02

    perchè attribuire all'euro e non all'incapacità e alla disonestà dei politici, alla corruzione, all'evasione fiscale le cause del declino e dei problemi dell'italia ? non è possibile paragonare l'italia a gran bretagna,svezia,norvegia affermando che da loro si sta bene perchè non c'è l'euro. quelli sono paesi civili; noi lo siamo ? io ne dubito. basta leggere i commenti per rendersene conto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog