Cerca

La novità

Il Governo studia la modifica della soglia per i pagamenti in contanti: nuovo limite a 3mila euro

Il Governo studia la modifica della soglia per i pagamenti in contanti: nuovo limite a 3mila euro

Con la prossima legge di Stabilità il Governo potrebbe modificare il tetto imposto per i pagamenti in contanti oggi fissato a mille euro. Per ora dal Governo dicono che "è possibile" che la soglia possa essere rivista al rialzo, dopo che nel 2011 il governo Monti aveva imposto la soglia storicamente più bassa, riducendola dai 12.500 euro in vigore nel 2008. Secondo l'indiscrezione anticipata da Repubblica, le pressioni sul ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan e il premier Matteo Renzi starebbero arrivando dai centristi della maggioranza, che già nei mesi scorsi avevano fatto approvare una mozione parlamentare sull'aumento della soglia, votata da ben 288 deputati contro 83. Nell'oceano di annunci e proclami renziani si ritrova traccia già nello scorso febbraio dell'intenzione di riformare la soglia, anzi sembrava dovesse essere una misura imminente. Al tutto si aggiunge la proposta di Forza Italia degli scorsi giorni, presentata sotto forma di progetto di legge.

Le novità - Il Governo potrebbe portare la soglia dai 1000 euro attuali ai 3mila euro. L'Italia rimarrebbe tra i pochi Paesi europei a imporre dei limiti sull'uso dei contati. Ben undici, tra cui Germania e Olanda, non prevedono nessuna soglia per i pagamenti con banconote. In altri Paesi, come Spagna e Francia, i limiti vanno dal 2500 ai 3mila euro.

Gli ostacoli - Le scuse perché il Governo rinvii l'aumento della soglia sui contanti sono ormai ridotte al lumicino. Commercianti e albergatori continuano a fare pressione, soprattutto in vista del Giubileo, per permettere a pellegrini e turisti di fare le proprie spese con maggiore facilità. Con la situazione già critica a Roma per i guai del sindaco Ignazio Marino, per Renzi un flop economico dall'arrivo dei pellegrini potrebbe essere un problema in più da digerire. Resterebbero da convincere gli ultimi pezzi di maggioranza ancora contrari, allarmati dal potenziale aumento dell'evasione fiscale, contro la quale il governo Monti aveva introdotto il limite dei 1000 euro. Le coperture per i mancati introiti fiscali però sarebbero facilmente assorbibili, stando alle buone notizie che ha illustrato la direttrice dell'Agenzia delle entrate Orlandi nel corso dell'audizione alla Camera. Soprattutto dal rientro di capitali dall'estero, la voluntary disclosure, arrivano i segni più confortanti con le 70mila richieste e i 3 miliardi di entrate per lo Stato ormai alla portata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    09 Ottobre 2015 - 05:05

    Sono tutte cazzate. Governanti, sperperate meno il pubblico denaro. LADRI!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    08 Ottobre 2015 - 19:07

    vedi i comunisti come hanno il bronzo sulla faccia? Una volta dicevano di 'tenere' ai poveri, ora li vedi scrivere cazzate immense senza la minima vergogna parteggiando per le banche. Vero velenikos?

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    08 Ottobre 2015 - 14:02

    Mi sembra la giusta correzione di una delle innumerevoli fesserie del governo del Ragionier Monti.

    Report

    Rispondi

  • selenikos

    08 Ottobre 2015 - 14:02

    ma c'è qualcuno di voi che gira con 3.000 euro in contanti in tasca? Non è più facile usare il bancomat o la C/C ?

    Report

    Rispondi

    • blues188

      08 Ottobre 2015 - 18:06

      Si vede, si vede proprio che mangi pane e volpe tutti i giorni. Continua pure se ti sembra che possa migliorarti...

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog