Cerca

Auto

Ritorna la Tipo, sarà la nuova grande berlina della Fiat. Tanta tecnologia e prezzo contenuto

Ritorna la Tipo, sarà la nuova grande berlina della Fiat. Tanta tecnologia e prezzo contenuto

Ritorna la Tipo, ma questa volta sarà una berlina a tre e non a due volumi come la storica vettura dei primi anni '90. Il gruppo Fca ha svelato che il nuovo modello è stato presentato a maggio, al salone dell'Auto di Istanbul. La nuova Tipo arriverà in Italia a dicembre.   Si tratta di una vettura quattro porte completamente nuova, concepita fin dall'inizio come berlina a tre volumi: disegnata in Italia dal Centro Stile FCA, è stata sviluppata in Turchia insieme a Tofaş R&D, sarà prodotta nello stabilimento Tofas a Bursa. Proprio la Turchia sarà l'unico mercato dove la Tipo non sarà commercializzata con tale sigla bensì con il nome Aegea, già usato alla presentazione a Istanbul.

Caratteristiche - Vettura funzionale che, spiega Fiat, "massimizza il 'value for money'" (rapporto qualità-prezzo, per i comuni mortali), la nuova Tipo sarà disponibile con due turbodiesel Multijet II e due motori a benzina, con cambio manuale o automatico, e potenze tra 95 e 120 CV. Come la berlina degli anni Ottanta da cui prende il nome (che fu Auto dell'Anno 1989 e venne prodotta in 1,9 milioni di esemplari) anche la nuova Tipo si preannuncia ai vertici della categoria per spaziosità, grazie a un passo di 264 cm: lunga 4 metri e mezzo, larga 178 centimetri e alta 148 cm potrà ospitare comodamente 5 persone di corporatura robusta - secondo Fiat - e offrirà una cacapità di carico di oltre 510 litri.

Consumi - I consumi si preannunciano davvero contenuti, soprattutto per i due turbodiesel per i quali Fiat promette meno di 4 litri di gasolio per 100 km, un dato allineato a quello di una city car come Fiat Panda.

Tecnologia - Preannunciata con un listino inferiore ai 20 mila euro, la nuova Tipo offrirà anche il sistema Uconnect TM con touch-screen a colori da 5", sistema Bluetooth con vivavoce, streaming audio, lettore di SMS e riconoscimento vocale, porte Aux e USB con l'integrazione di iPod, comandi al volante e, a richiesta, telecamera di parcheggio posteriore e navigatore TomTom.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ampar

    13 Ottobre 2015 - 11:11

    gran macchina! chissà quanto tempo ci hanno impiegato per progettarla ahahahahahah

    Report

    Rispondi

  • primus

    12 Ottobre 2015 - 20:08

    Vi ricordate la Duna......eheheheheh

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    12 Ottobre 2015 - 17:05

    Finalmente un'auto come si deve, complimenti alla nuova Fiat!

    Report

    Rispondi

  • a.pellizzaro

    12 Ottobre 2015 - 14:02

    Fatta in Turchia: un buon motivo per non comprarla! FCA PRODUCA IN IITALIA SE VUOL VENDERE IN ITALIA!

    Report

    Rispondi

    • selenikos

      12 Ottobre 2015 - 16:04

      pensi se tutti in Italia (e in Europa) la pensassero come Lei.........Ma da dove arrivano questi lettori?

      Report

      Rispondi

    • maxdemax

      maxdemax

      12 Ottobre 2015 - 16:04

      e produca in Islanda se vuole vendere in Islanda. Vuol dire che non si dovrebbe neanche comperare un cellulare o computer. Non sono fatti in Italia. L'Italia ha fatto di tutto e continua a farlo, per mandare via le aziende. Basterebbe essere meno socialisti, meno tasse, leggi chiare, meno fanulloni, meno fancazzisti,meno burocrazia, meno fisco, demonizzare meno le imprese, meno baby pensionati....

      Report

      Rispondi

      • fofetto

        12 Ottobre 2015 - 20:08

        E' il ritratto di a.pellizzaro. Perfetto! L'Italia è piena di codesti guastafeste.

        Report

        Rispondi

      • Pinkalikoi

        12 Ottobre 2015 - 19:07

        x Maxdemax, Direi tutto giusto quello che in Italia dovrebbe essere "meno", però non si può fare a meno di notare che la ex Fiat, rispetto a tutti gli argomenti che lei espone, ha privilegiato i paesi che consentivano bassi, anzi bassissimi salari, per impiantare le lavorazioni, e nei paesi che permettono meno imposte ha dislocato solo la residenza fiscale.

        Report

        Rispondi

blog