Cerca

Consumi

Del tonno in scatola si butta via solo l'1%

Del tonno in scatola si butta via solo l'1%

Un tempo era il maiale, de quale non si buttava via nulla. Tutto finiva in pentola, o insaccato, e quindi in pancia. Poi, però, i consumi sono cambiati e oggi parti della bestia come le orecchie, la cotenna, i piedini, il naso sono consumate solo da intenditori e hanno un mercato di nicchia. Il cibo del quale invece non si butta via proprio niente è il tonno in scatole. Un'indagine condotta da Doxa per l'Associazione nazionale conservieri dice che del prodotto conservato nella classica lattina o nel vasetto in vetro si butta via in media solo l'1%. In pratica, quei pezzettini che restano sul fondo e che non si riescono a tirare su con la forchetta.

Almeno una scatoletta di tonno è presente nel 93% delle case, il 34% dei consumatori utilizza o ricicla anche  l’olio d’oliva. E se oggi la metà degli italiani  (45%) lo acquista in primo luogo perché è gustoso - mentre fino a 10 anni fa era considerato un alimento di emergenza - al secondo posto troviamo il fatto che è un cibo antispreco e riciclabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    14 Ottobre 2015 - 13:01

    io l'olio del tonno in scatola lo getto tutto accuratamente.

    Report

    Rispondi

    • viola52

      26 Ottobre 2015 - 14:02

      male..ci puoi far un'ottima salsa tonnata....

      Report

      Rispondi

blog