Cerca

Raffica di arresti

Baldassarri, Rizzoli, Cellino: tutti dentro

Angelo Rizzoli, Massimo Cellino. Gianluca Baldassarri, Giuseppe Orsi

Rizzoli, Cellino, Baldassarri, Orsi

Tutti dentro. Una mattinata al cardiopalma: una serie di arresti. La magistratura ha ingranato la quarta e va spedita. Martedì scorso è toccata all'ex amministratore delegato di Finmeccanica Giuseppe Orsi accusato di corruzione internazionale per la commessa di 12 elicotteri all’India, avvenuta quando Orsi era ai vertici di AgustaWestland. Non ci sarebbero nuovi capi di imputazione ma il gip avrebbe dato l’ok alle manette perché l’ingegnere di Finmeccanica avrebbe fatto pressioni su alcuni quotidiani e sul Csm per sostituire il magistrato che sta realizzando l’inchiesta a suo carico: il pm Eugenio Fusco. Sempre nello stesso giorno, i pm milanesi depositano gli atti sull'inchiesta Maugeri, gli inquirenti ipotizzano che sia stato lo stesso Roberto Formigoni "il promotore dell’associazione a delinquere che ha operato intorno alla Fondazione Maugeri e ipotizzano il reato di associazione .a delinquere finalizzata alla corruzione Un giorno di (apparente) calma ed ecco la raffica di arresti: da Milano a Cagliari. La procura di Siena dispone l'arresto di Gianluca Baldassarri dell'ex responsabile dell'area finanza del Monte dei Paschi di Siena, ma qualche ora prima a finire in carcere è stato il presidente del Cagliari Massimo Cellino. il sindaco di Quartu Sanr'Elena, Mauro Contini e l'assessore Stefano Lilliu: per tutti le accuse sono di falso ideologico e peculato nell'ambito dell'inchiesta sui lavori allo stadio di Cagliari. A metà mattinatà arriva la notizia dell'arresto dell'imprenditore Angelo Rizzoli: per l'amministratore unico della "Rizzoli Audiovisivi srl" (oggi Tevere Audiovisivi srl) l'accusa è di bancarotta fraudolenta: un crac da 30 milioni di euro. Più che San Valentino sembra San Vittore. 

Vota il sondaggio di Libero: chi sarà il prossimo?

Come se non bastasse sul web impazza una notizia-bufala di un mandato di arresto europeo contro il Papa che sarebbe stato spiccato da un fantomatico Tribunale con sede a Bruxelles per crimini contro l'umanità. La notizia delle dimissioni del Papa, infatti, ha scatenato la Rete. Una notizia del genere, d'altronde, non poteva non avere una notizia devastante nel pazzo mondo dei social netwiork. Volgarità, boutades, giochi di parole e, tra queste, anche quella di un mandato di cattura che dovrebbe essere notificato venerdì 15 febbraio che sarebbe la vera ragione che ha spinto il Papa alle dimissioni. Ormai non c'è più religione. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    16 Febbraio 2013 - 17:05

    Op. Operazione arcobaleno(gestita da D'Alema), Telekom Bosnia (gestita da Fassino),UNIPOL (abbiamo una banca),Marrazzo,Penati, Tedesco (il cui arresto è stato negato dal Senato con voto del PD),Conti e Gamberale,Bassolino,Errani, Vendola (tuttora rinviato a giudizio),Del Bono,Draghetti,Bernaudo e Ruffolo,Lusi, MPS (già imboscato)e moltissimi altri di cui non ricordo il nome poichè, ed è ovvio, di queste cose non si DEVE parlare troppo. Che cacchio in fondo questo è il partito dei puri e onesti. Ma va là, il più pulito c'ha la rogna!

    Report

    Rispondi

  • woody54

    15 Febbraio 2013 - 13:01

    L'identikit del PERFETTO idiota

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    15 Febbraio 2013 - 12:12

    Una holding “nordista” nata dalla fusione di tutte le società private e quotate in Borsa (Iren, A2A, Hera, Acegas), che gestiscono da Torino a Trieste passando per Genova, Reggio Emilia e Bologna, tutti i servizi pubblici locali strategici: acqua, rifiuti, energia elettrica. È il disegno messo a punto, sotto la regia dell’assessore al Bilancio del Comune di Milano, Bruno Tabacci: un’operazione contabile mossa solo dal bisogno di Milano e Torino di fare cassa, nascondendo i debiti accumulati: 5 miliardi A2A e 2,5 Iren. La distruzione del valore quotato in borsa di A2A è da ascrivere a questi geni!!! Poi volevano collocare le azioni di Linate? Il mercato? Ha fatto il verso di una nota pubblicità....tié... con significativo gesto della mano! Ma per piacere occupatevi di filosofie comuniste e non rompeteci più le scatole.

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    15 Febbraio 2013 - 12:12

    Facendo seguito a quanto detto nel precedente post indico le conclusione della denuncia dell'unione consumatore:TAG Per finire aggiungiamo la delusione di vedere come protagonista di un simile operazione proprio la giunta Pisapia. Cioè la giunta che ha raccolto tanti consensi nel segno della partecipazione, del legame territoriale, della primavera del cambiamento, e anche del referendum sull’acqua. È troppo chiedere le ragioni di una scelta di questo tipo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog