Cerca

La classifica

La Exor della famiglia Agnelli batte il gigante petrolifico Eni: guadagna il primo posto delle principali società italiane

La Exor della famiglia Agnelli batte il gigante petrolifico Eni: guadagna il primo posto delle principali società italiane

Dopo undici anni di supremazia, l'Eni perde il primo posto nella classifica del fatturato delle aziende italiani. A soffiargli il primato è la finanziaria della famiglia Agnelli e Fiat Chrysler Automobilies con la sua Exor. La differenza l'hanno fatta i 12,4 miliardi in più rispetto al gruppo petrolifero che ha pagato caro il calo del prezzo del greggio. E' quanto emerge dal rapporto "Principali società italiane" a cura dell'ufficio studi di Mediobanca nella sua edizione 2015, riportato sul sito affariitaliani.it. Una doppia vittoria se si considerano anche il numero di dipendenti dell'azienda, oltre a quelli fuori dai confini italiani. L'Exor guadagna il primo posto battendo ogni rivale con i suoi 318mila uomini. Ma se invece si considerano solo quelli presenti nel territorio nazionale, scende al secondo posto, sconfitta dalle Poste italiane. Al servizio del gigante italiano della corrispondeza ci sono ben 144.635 dipendenti, che ne fanno il più grande datore di lavoro in Italia. Nella Top20 di quest'anno ci sono state solo due nuove entrate, Isab e Parmalat, al posto delle uscenti TotalErg e A2a.

La classifica - Le prime venti posizioni rispetto all'anno precedente non sono cambiate più di tanto. Dopo Exor ed Eni seguono nell'ordine Enel (con ricavi per 74,3 miliardi, in contrazione del 4,9%), Gse (società pubblica che svolge attività di compravendita di energia elettrica con vendite per 32,1 mld) , Telecom (che cede un altro 7,9%), Finmeccanica ( ricavi a 14,7 mld a -8,5%), Edison (in calo del 3,3%), Esso Italiana (-6,8%), Edizione dei Benetton (invariata rispetto al 2013 ma in contrazione dell'11,2%), Saras (-9% con un -15,3% italiano e un -2,8% estero, parzialmente contenuto dal +24,2% della distribuzione sul mercato spagnolo), Poste (la flessione del 3,9% ha portato il loro fatturato a 9 miliardi) , Kuwait Petroleum Italia (8,5 miliardi di vendite), Ferrovie dello Stato (con ricavi per 7,7 mld) , Luxottica ( in crescita del 4,6%), Ge Italia Holding (7,3 mld), Supermarkets italiani di Bernardo Caprotti (con vendite per 6,9 miliardi), Prysmian (che cede il 6%), Pirelli, Isab e Parmalat.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • querela

    24 Ottobre 2015 - 06:06

    ma tù guarda se ti devono ancora far vedere sta famiglia di facce da scemi solo perchè hanno tutti stì soldi! neanche guadagnati con le loro capacità, ma con quelle degli altri!!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    23 Ottobre 2015 - 20:08

    Altro che agnelli, lupi. Gli va ascritto il merito (ai rampolli tutti) di stare alla larga dalla politica. Uno straricco non può comprendere i problemi di un paese costituito da gente non ricca, anz alle prese con ben altro... Ciò valga anche per l'ex cav.i

    Report

    Rispondi

blog