Cerca

Prima Lombardia, ultima Calabria: la classifica dei redditi regione per regione

L'atlante delle buste paga compilato da Jobpricing e illustrato oggi sul quotidiano "La Repubblica" segue solo in parte la latitudine, con gli stipendi più alti al nord e quelli più bassi al sud Italia. Infatti, se è la Lombardia la regione dove chi lavora guadagna di più con una media di 31.179 euro lordi al mese seguita dal Trentino Alto Adige con 30.803, al terzo posto non figura il "mitico" Nordest ma l'Emilia Romagna con 29.894. E, a conferma di quanto si dice sul declino del modello della fabbrichetta e del capannone sotto casa, per arrivare a Friuli e Veneto bisogna scendere nella classifica fino al 6° e 8° posto rispettivamente. Cioè sotto il Lazio, che è la vera sorpresa della classifica con 29.615 euro pro-capite lordi, e la Val D'Aosta. La Liguria è settima e il Piemonte ottavo, a indicare che pure il famoso "triangolo" Milano-Torino-genova che negli anni '60, '70 e '80 trainava l'economia italiana è ormai un fenomeno da libri di storia. In Piemonte oggi si guadagnano appena 2mila euro lordi l'anno in più che in Campania, la regione-guida del sud con 26.310 euro di stipendio annuo lordo. Sul fondo della classifica, tre non-sorprese: la Srdegna, diciottesima con 24.110 euro, la Basilicata diciannovesima con 23.876 e la Calabria ventesima con 23.465 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400