Cerca

Sbancati

Truffati dalle banche: chi e quando sarà rimborsato

Salvare i risparmiatori ma solo gli «indigenti», come propone il vulcanico sottosegretario all’Economia, Enrico Zanetti. Oppure garantire a tutti i piccoli investitori retail - che abbiano perso nelle 4 banchesalvate - un «ristorno» del 30% del capitale investito. O ancora: una deducibilità fiscale per restituire qualcosa a chi ha perso i risparmi di una vita credendo di aver sottoscritto un investimento senza rischi.  Le ipotesi di «salvataggio» si moltiplicano. Ma al momento l’unica cosa certa è che il governo si occuperà della «cosa» ma senza fornire ulteriori dettagli. All’Eurogruppo, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan dice che non c’è stata discussione sui rimborsi agli obbligazionisti di Banca Marche & C.. Anche perché qualsiasi intervento finirebbe al vaglio delle autorità europee e l’ultima cosa che Padoan desidera in questo momento delicato (c’è la legge di Stabilità da far approvare nonostante le tre diverse clausole di flessibilità: crescita. immigrati e sicurezza), è di andare a sbattere contro una procedura d’infrazione per «indebiti aiuti di Stato». Tanto più che le banche salvate sembrano aver già trovato corteggiatori in Italia e all’estero: «La vita di queste nuove banche è partita da pochi giorni e già abbiamo registrato interesse significativo siada banche italiane che estere, puntiamo a chiudere il tutto nella prima metà del 2016», ha assicurato ieri il presidente unico delle nuove Banca Marche, Banca Etruria, Carife e Carichieti, Roberto Nicastro, parlando della cessione nuovi istituti di credito.


Sarà tanto l’interesse finanziario, però le associazioni dei consumatori cavalcano la rabbia dei risparmiatori beffati ipotizzando azioni penali e civili contro la Banca d’Italia per «omessa vigilanza», mentre il governo parla di un fumoso intervento di semisalvataggio (dei creditori) da inserire dentro la norma finanziaria di fine anno. L’idea che circola negli ambienti Pd è di agganciare alla manovra finanziaria un ultimo emendamento per «salvare i piccoli risparmiatori finiti nella vicenda del crack delle quattro banche» favorendo «la costituzione di un fondo ad hoc finanziato per 1/3 dallo Stato e per 2/3 dalle banche».
Il Pd vorrebbe che a beneficiare di questo salvagente fossero i soli piccoli risparmiatori. E tanto per evitare allargamenti del perimetro di applicazione la stessa creazione del Fondo sarà compresa con un «ultimo emendamento alla Stabilità che verrà presentato» dalla maggioranza alla Camera.


Non che ci sia poi tutto questo tempo per contrattare con l’Ue l’eventuale intervento, scrivere il testo ed inserire in Stabilità anche questo emendamento. Infatti entro questa settimana - e siamo già in ritardo - dovrebbe arrivare il via libera della Commissione Bilancio della Camera alla legge di Stabilità, ma non è escluso che l’ok possa slittare a lunedì. L’incertezza è tale che il testo emendato in commissione potrebbe approdare in Aula solo martedì 15. Già un posticipo di 48 ore rispetto ai tempi di calendario. «Spero di chiudere tra sabato e domenica», ha ammesso il presidente della Commissione, Francesco Boccia.
Le votazioni alla Bilancio riprenderanno domani, mentre proseguono le riunioni tra governo e maggioranza per sciogliere i nodi principali (banche, Sud, sicurezza). Gli emendamenti dell’esecutivo dovrebbero arrivare giovedì. Mentre sabato 12 dovrebbe prendere la parola il ministro dell’Economia, Padoan.


Salvataggi a parte le modifiche non saranno di poco conto. Enrico Morando, viceministro all’Economia, ieri ha spiegato che per il Sud «si interverrà con il credito di imposta automatico e un rafforzamento della decontribuzione sulle assunzioni», ma non si prevedere «il superammortamento al 160%». E per il canone Rai in bolletta ha assicurato che la norma prevederà dei «rimborsi» per le società incaricate di riscuotere la tassa.

Antonio Castro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ammunition

    08 Dicembre 2015 - 12:12

    Questi "risparmiatori" volevano lucrare interessi alti, non sono dei poveracci, di questi tempi chi ha migliaiai di euro tutti investitit in una sola speculazione non merita rimborsi. >SI pensi piuttosto ai pensionati a cui hanno negato qualsasi arretrato e ora ) tartassati non riescono a arrivare piu a fine mese!!!!!

    Report

    Rispondi

  • ilsognodiunavit

    08 Dicembre 2015 - 11:11

    Mi sembra impossibile possa accadere una cosa del genere,in pratica alcuni possono fare quello che vogliono e c'è da aspettarsi di tutto.Il colmo è che loro si basano sulle informazioni sui clienti , pensa se i clienti potessero fare altrettanto!

    Report

    Rispondi

  • fgerna

    08 Dicembre 2015 - 10:10

    Questo con la sua parlantina ci metterà tutti in mutande, chissà se coloro che hanno perso i soldi lo voteranno ancora, opss, lui non l'ha votato nessuno, voteranno ancora PD

    Report

    Rispondi

blog