Cerca

Le correzioni alla manovra

Cambia il modo di comprare la casa: si può fare come con le auto

Cambia il modo di comprare la casa:  si può fare come con le auto

Cambia il modo di comprare casa. Grazie alla manovra che assume sempre di più le caratteristiche di una finanziaria elettorale, con mance per tutti, specie per i giovani e i vecchi. Arriva, anzitutto, una nuova opzione per l' acquisto di immobili: il leasing. Le banche, secondo una misura proposta con un emendamento del governo alla legge di stabilità all' esame della Camera, potranno finanziare l' acquisto o la realizzazione dell' abitazione principale, che alla fine del pagamento potrà essere riscattata o lasciata all' istituto di credito.  

Cosa cambia - Uno schema identico a quello oggi praticato per le automobili: l' utilizzatore può chiedere a una banca di acquistare un immobile o di farlo costruire secondo le proprie esigenze. Sulla base del contratto e del valore si paga un canone annuale e alla fine si può riscattare la casa al prezzo prefissato (scontando il canone versato). Il meccanismo viene regolamentato nel dettaglio: in caso di difficoltà il canone, per una volta, può essere bloccato dodici mesi con una moratoria Se alla fine del contratto l 'immobile non viene rilasciato scattano le procedure di sfratto. Per gli under 35 con redditi sotto i 55.000 euro, poi, il canone non può superare gli 8 mila euro l' anno e il riscatto finale si deve fermare a quota 20.000 euro. Ma il leasing immobiliare non è l' unica novità sul versante casa: Con un occhio ai consumi e all' ambiente è la norma che estende l' ecobonus (sconto Irpef del 65% sulla spesa) per l' acquisto, l' installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali che consentono il controllo a distanza di riscaldamento, climatizzazione e scaldacqua.


Le correzioni - Nel giro di poche ore, dunque, la manovra è come al solito stata rivoluzionata e le correzioni non sono poche.
È il mix di misure proposto odora di mancetta. Ci sono gli incentivi per i camper: sarà possibile rottamare quello vecchio e inquinante (euro 0 ed euro 1) in cambio di uno nuovo non inquinante (euro 5) con un contributo che balla tra gli 8mila e i 5mila euro.

Francesco De Dominicis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog