Cerca

Profezie

Tremonti aveva previsto tutto: "Espoloderà una bomba sociale"

Tremonti aveva previsto tutto:

 Giulio Tremonti aveva previsto tutto. Economista ed ex ministro delle Finanze dei governi Berlusconi ora senatore per il movimento 3L, nel suo libro del 2013 Bugie e verità, la ragione dei popoli aveva previsto il bail in. In pratica quello che è accaduto in questi mesi: il salvataggio interno dei fallimenti bancari con correntisti ed azionisti che vengono chiamati a rispondere del crac degli istituti. Il Giornale riporta un estratto del libro di Tremonti che parla proprio di questo. "Detto in italiano, bail-in significa salvataggio interno. Ancora più in italiano, significa rottura del rapporto fiduciario tra banca e cliente correntista-risparmiatore-depositante. Se una banca salta, i suoi creditori dovrebbero infatti essere alla fine pagati non solo dai suoi azionisti, ma anche da chi presso la banca ha depositato i suoi risparmi. Un conto è un prestito, che può anche essere a rischio, un conto è un deposito bancario, che per sua natura è invece fiduciario! Per proteggere il sistema»si pensa dunque di autorizzare la distruzione del risparmio come valore fiduciario e costituzionale".

L'Europa che non va quello che dovrebbe - Tremonti ricorda poi che prima dell'Europa nella nostra Costituzione era scritto: "La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme» (art. 47). Ora non sarà più così, perché le regole europee ormai fanno premio sulle regole interne italiane!". Tremonti nel suo libro ricorda poi che la Deutsche Bundesbank Eurosystem, la banca centrale tedesca, nel suo bollettino di gennaio 2011 propone di applicare questo stesso schema, oltre che nel caso di crisi delle banche, anche nel caso di crisi degli Stati. "In questa logica, come nel caso delle banche in crisi si dovrebbe procedete con il bail-in, mettendo le mani sui soldi dei risparmiatori, così parallelamente negli Stati in crisi prima di ogni intervento di salvataggio si dovrebbe procedere con una patrimoniale ad hoc, così mettendo le mani sui soldi dei contribuenti responsabili del loro debito pubblico".  La conclusione è chiarissima: "In sintesi, finora l' Europa non ha fatto le cose che doveva fare (regole vere sul sistema finanziario-bancario), mentre sta facendo cose che non dovrebbe fare. Da ultimo, si è appena visto, sta preparando il bail-in come rimedio estremo a una crisi che è continuata, che si è anzi ancor più sviluppata proprio per l' eccesso di liquidità che è stato creato in questi ultimi due anni, nell' illusione che fosse un rimedio e non essa stessa causa del Male". Tremonti aveva previsto la "bomba" sociale del bai in. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    28 Dicembre 2015 - 13:01

    E' un bel po' di tempo che dico che l'Europa a conduzione tedesca è un ssociazione per delinquere. Ma se guardiamo la storia ai tedeschi i soldi deli altri hanno sempre fatto gola ,hanno inventato lo spietato antisemitismo e ne hanno bruciati 6.000.000 ,che becco eh?

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    22 Dicembre 2015 - 14:02

    buoni tutti a chiacchere. specialmente quando sono fuori dai giochi.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    22 Dicembre 2015 - 14:02

    Tutto questo succede perchè il Popolino non ha le PALLE per fare una rivoluzione stile francese ad esempio...spero che CASAPOVND prenda il Potere e mandi a morte i vecchiacci prostatici di palazzaccio Chigi !

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    22 Dicembre 2015 - 12:12

    tenete sul conto corrente 500 euro, perché sei costretto a farlo, appena arriva lo stipendio, incassi, parcelle, fondi in genere.... prelevate tutto il resto e mettetelo al sicuro...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog