Cerca

Guida al nuovo anno

Casa, fisco, bollette e lavoro: tutte le novità del 2016

Casa, fisco, bollette e lavoro: tutte le novità del 2016

Dall'abolizione di Tasi e Imu sulla prima casa alle bollette di luce e gas, dal Jobs Act al Fisco, ecco in rassegna le principali novità che ci attendono nel 2016.

Casa - Nel 2016 ci potrebbe essere un maggiore interesse nel settore immobiliare grazie a una serie di novità normative. Dall'abolizione della Tasi sulla prima casa alle nuove norme sulle imposte di compravendita. Come ricorda il Corriere della sera, viene abolita la Tasi per gli appartamenti che non rientrano tra gli edifici di lusso. Esenti dalla tassa anche le case date in comodato a un figlio o a un genitore purché il proprietario non possegga altre abitazioni. Agevolazioni anche per chi acquista la prima casa da un privato e risulta già proprietario di un'altra casa. Per la vendita di quest'ultima c'è tempo fino a un anno evitando un salasso fiscale. Aumentano i bonus per le ristrutturazioni. Confermati gli sconti fiscali al 50% sul miglioramento dell'abitazione e sul risparmio energico al 65%. Il bonus va a sostegno anche delle giovani coppie con almeno un componente sotto i 35 anni che può godere di uno sconto del 50% sull'acquisto di mobili fino a 16mila euro. L'ultima legge di Stabilità aumenta le possibilità di comprare casa anche con il leasing. La detrazione copre gli interessi sulle locazioni finanziarie fino a 8.000 euro all'anno per le giovani coppie. Per le coppie sopra i 35 anni il bonus è dimezzato. Arriva un nuovo regolamento per i prestiti vitalizi ipotecari, con i quali gli over 60 possono ipotecare l'immobile in cambio di una somma una tantum o un'erogazione annuale. Nuove agevolazioni anche per i proprietari di casa che danno in affitto un'abitazione: divideranno la Tasi con l'inquilino tra il 10 e il 30% secondo quanto previsto dal Comune, tranne se l'inquilino usa la casa come prima abitazione.

Bollette - Scenderanno i costi delle bollette di gas e luce grazie al ribasso degli oneri di sistema e al calo dei costi per l'approvvigionamento. I cali medi a famiglia saranno di circa l'1,4%. Con il nuovo anno arriva il Metodo tariffario idrico 2016/2019 grazie al quale si potrà pagare a rate la bolletta dell'acqua superiore al 100% del consumo medio annuale. Secondo Moody's le nuove regole porteranno aumenti tra il 4 e il 5%. Salgono anche i biglietti degli aerei aggravati da 2,5 euro di aumento dell'addizionale comunale sui diritti d'imbarco. Non fanno eccezione i treni, viste le denunce dei comitati dei pendolari dalla Sicilia alla Toscana che hanno rilevato aumenti dal 7,7% con aumento degli abbonamenti del 3,86%. Sulla stessa scia anche le tariffe autostradali, che secondo il Codacons saliranno in media di 27 euro per automobilista. L'aggiornamento delle condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori, le tariffe del gas invece per il primo trimestre del 2016 saranno più leggere del 3,3%, circa 60 euro a famiglia. Altri 50 euro in meno dovrebbero coinvolgere le bollette del gas per il secondo trimestre dell'anno.

Fisco - L'ultima legge di Stabilità ha cancellato le clausole di salvaguardia, così è stato sventato per il momento l'aumento dell'Iva e delle accise per il 2016, ma restano in ballo ancora quelle per il 2017. Aumentano a cinque anni quelli possibili per un accertamento fiscale da parte dell'Agenzia delle entrate. Per le dichiarazioni Iva nulle, poi, i tempi si allungano a otto anni. Brutte notizie per gli automobilisti che rischiano sanzioni se non in regola con revisione del mezzo o Rc auto: le verifiche saranno fatte anche attraverso gli autovelox. Per gli imprenditori previsti ammortamenti del 140% se decidono di investire in apparecchiature, beni strumentali e nuovi materiali della propria azienda. Le partite Iva con regime dei minimi avranno agevolazioni per passare a quello forfettario: per le attività nate entro il 2015 viene confermata l'aliquota al 5% per i primi cinque anni e fino a 35 anni di età. Il nuovo regime forfettario prevede l'aliquota al 15% con una soglia a 30mila euro di reddito annuo, 25mila per chi lavora nelle costruzioni e nelle attività immobiliari.

Lavoro - Taglio al maxibonus sulle assunzioni a tempo indeterminato, sceso al 40%. Tornano invece gli sgravi sul welfare: imposta forfettaria al 10% sostitutiva dell'Irpef e addizionali locali per i dipendenti privati con reddito annuo non superiore ai 50mila euro sulle voci legate a incrementi di produttività ed innovazione. La legge di Stabilità ha rifinanziato di 250 milioni gli ammortizzatori sociali in deroga: cassa integrazione e indennità di mobilità. Prorogato anche il congedo obbligatorio e facoltativo di paternità. Le lavoratrici autonome potranno accedere a un assegno per baby sitter o asilo nido (a disposizione 2 milioni di euro). Come stabilito dal Jobs Act si restringerà la platea dei contratti di collaborazione, che sopravviveranno solo senza vincoli organizzativi di tempo e luogo dello svolgimento dell'attività. Nel 2016 potrebbe diventare legge anche la polizza assicurativa per i lavoratori autonomi. Saranno deducibili le spese per formazione fino a 10mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog