Cerca

L'analisi dell'esperto

L'analisi dell'esperto: "Banche, rischio corsa agli sportelli"

L'analisi dell'esperto:

A lanciare l'allarme "corsa agli sportelli" è l'economista Luigi Zingales sulle  pagine de Il Giorno. Chiede al governo un intervento più incisivo a livello europeo. Sgombra il campo da ogni equivoco: "«Non credo alle cospirazioni internazionali. Chi parla di 'avvertimenti all' Italia' applica al mondo circostante la propria mentalità mafiosa, oppure vuole alzare un polverone per nascondere i propri errori. Gli stessi che ieri raccontavano storielle sulla solidità delle banche italiane, oggi diffondono il sospetto di un' azione concordata dietro le quinte per destabilizzare il Paese. Sarebbe meglio, invece, dire la verità".

Il consiglio - La verità secondo lui è che la situazione si fa sempre più pericolosa e che il governo non si rende conto che esiste in Italia il rischio di una corsa agli sportelli". E suggerisce una strada, una via d'uscita: "Il governo italiano dovrebbe andare a Bruxelles e chiedere con forza di cambiare le regole, come ho suggerito in un appello che ho scritto a fine dicembre insieme a Luigi Guiso, in cui abbiamo illustrato perché l' Italia dovrebbe chiedere una moratoria sul bail in. Ma il governo non si è nemmeno degnato di risponderci". Zingales spiega così perché bisogna chiedere una moratoria: "Mentre negli altri Paesi le obbligazioni bancarie vengono collocate presso assicurazioni e fondi pensioni, in Italia finiscono spesso nei portafogli dei clienti, tanto che sono diventate lo strumento di risparmio più diffuso, al pari dei Bot, e sono presenti nei portafogli delle famiglie con frequenza tripla rispetto a quella dei Cct o dei fondi comuni". La conseguenza è che i prossimi bail in toccheranno molte più persone e il rischio che "una crisi bancaria determini un' ondata di panico è reale".
C

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • romelux

    20 Febbraio 2016 - 21:09

    IL FITD ammonta a 100.000,00 euro a investitore nel C/C o C/D.Nei conti cointestai sono 200.000,00 euro in tutto.Comunque non avverrà alcuna sommossa o rivoluzione almeno fino ai prossimi 10 anni,dopo si salva chi puo',questo se a vincere sarà sempre il centro-sinistra.Se invece al governo ci andrà il centro-destra,allora buona parte dell'impianto tassifero sarà disistallato e l'Europa.......

    Report

    Rispondi

  • antonfranco

    23 Gennaio 2016 - 09:09

    a quanto ammonta il fondo interbancario a tutela dei deposit DEI RISPARMIATORI CHE NON INVESTONO IN NIENTE?

    Report

    Rispondi

  • tsfulvio

    20 Gennaio 2016 - 16:04

    tanto quelli di Arezzo che hanno perso anche le mutande vedrete che continueranno a votare PD . . . in fin dei conti i direttori delle banche erano loro amici , delle brave persone .

    Report

    Rispondi

  • contenextus

    20 Gennaio 2016 - 14:02

    Non vedo l'ora di vedere le file di gente a ritirare i loro risparmi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti