Cerca

Piazza Affari

Affondano le Borse europee, profondo rosso per la banca rossa

Seduta pesante per la Borsa di Milano e le altre piazze europee. Partite in calo sulla scia delle piazze asiatiche e del nuovo ribasso del greggio, le europee hanno progressivamente ampliato le perdite. In chiusura Milano, con una raffica di titoli sospesi, è scesa sotto quota 18mila punti, livelli abbandonati a fine 2014. Il Ftse Mib ha chiuso in calo del 4,83% a 17.967 punti. Pesanti anche Londra (-3,46%), Francoforte (-2,82%) e Parigi (-3,45%), mentre Wall Street cede il 2,58% con i dati sull'inflazione negli Stati Uniti, peggiori delle stime. 

Sul Ftse Mib Mps, sospesa dagli scambi per gran parte della seduta, lascia sul terreno il 22,2% a 0,51 euro, dopo essersi affacciata sotto quota 0,50 euro. Male anche Banco Popolare (-10,8%), Unicredit (-7,7%), Bper (-7,3%), Ubi Banca (-6,6%) e Intesa Sanpaolo (-5,5%). Pesanti i petroliferi, con Saipem (-10,4%) ai livelli di primi anni 2000. Ma le vendite hanno colpito tutti i settori del listino, con flessioni oltre i 5 punti percentuali per Anima, Buzzi Unicem, Telecom Italia, Ferrari, Fca, Tenaris, Poste Italiane e Luxottica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antonio75

    20 Gennaio 2016 - 18:06

    Per anni avete scritto tutti i giornali e telegiornali che per colpa del petrolio l'economia andava male perchè il petrolio era caro ? Oggi che è tornato al giusto prezzo ,scrivete l'economia va male perchè il petrolio costa poco. Anzi si dovrebbe ridurre tutto ,dalla benzina ,dal biglietto dei trasporti, dalla spesa giornaliera ,dall'Enel.

    Report

    Rispondi

blog