Cerca

Un viaggio nel tubo catodico

Le voci sulla "fusione" Rai-Mediaset. Rivoluzione: il colosso delle antenne

Le voci sulla

Telecom ha messo in vendita la quota di controllo di Inwit, la società in cui sono state conferite le torri tlc, e la scelta apre scenari suggestivi. Si parla della possibilità di fusioni e riorganizzazioni nella telefonia italiana. Ma non solo. Si parla anche di televisioni: secondo Repubblica, che cita fonti finanziarie, sia Rai Way - controllata dalla Rai al 65% -, sia Ei Towers - la società di cui Mediaset possiede il 40% - avrebbero avuto contatti informali tra loro e anche con alcuni operatori istituzionali e di mercato. Si cercano intese, sinergie, proprio come auspicato dal sottosegretario Antonello Giacomelli.

La situazione, rispetto a un anno fa, si è capovolta: al tempo tra i due rivali era calato il gelo, dovuto all'offerta ostile di Ei Towers proprio su Rai Way. Ora le due società potrebbero invece trovare un punto comune: l'interesse nel dar vita al colosso italiano del broadcasting. Un dialogo che potrebbe essere agevolato anche da soggetti terzi, quali il fondo F2i che cita sempre Repubblica. Uno scenario in cui tutto è possibile: tutto dipende dall'esito della vendita di Inwit, le cui offerte vincolanti sono attese per metà marzo. Da par suo sarebbe in campo anche Ei Towers, che avrebbe offerto 5 euro per ogni azione per rilevare fino al 29,9% del capitale di Inwit (e avrebbe superato l'offerta della spagnola Cellnex, che ha messo sul piatto 4,5 euro per azione; l'offerta però non dovrebbe essere accettata).

Gli spagnoli, comunque, sarebbero intenzionati a ritoccare al rialzo l'offerta, ma non è chiaro se riusciranno a superare Ei Towers. Nel caso Cellnex vincesse la partita su Inwit, allora Ray Way, con un partner finanziario che potrebbe essere F2i, potrebbe muoversi verso Ei Tower, che resta dunque al centro delle operazioni. Se al contrario fosse Ei Towers a vincere la partita diventando il secondo socio con il 29% del capitale di Inwit, il gruppo potrebbe successivamente dividere le sue attività in due, facendo confluire le torri televisive dentro Ray Way e concentrando risorse ed energie sullo sviluppo di quelle telefoniche, magari insieme a Telecom. Resta solida, insomma, la pista che porterebbe alla nascita di un polo nazionale per le torri delle tlc, dove si concretizzerebbe una fusione parziale tra Rai e Mediaset.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • burago426

    05 Febbraio 2016 - 11:11

    ma è lü' che va da le' o è le' che va da lü'?

    Report

    Rispondi

  • burago426

    05 Febbraio 2016 - 11:11

    rai e mediaset insieme, quindi cosa cambia per la rai, non si paga più il canone oppure aumenta la pubblicità ?

    Report

    Rispondi

  • La cugina di Gheddafi

    05 Febbraio 2016 - 11:11

    carissimo Direttore Irresponsabile Belpietro stia attento: esiste ancora il reato di aggiotaggio e turbativa dei mercati

    Report

    Rispondi

  • fofetto

    04 Febbraio 2016 - 20:08

    BASTA spagnoli! Ora stanno rovinando Telecom, poi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog