Cerca

Le nuove penalità

Fisco, in arrivo una valanga di maxi-multe. Gli errori nella dichiarazione costano cari

L'agenzia delle Entrate accusa i Caf:

I contribuenti recidivi rischiano un'ondata di maxi-sanzioni per le diverse interpretazioni che i vari uffici del Fisco intendono dare alle nuove penalità tributarie in vigore dal 1 gennaio di quest'anno. La situazione più spinosa riguarda la "nuova recidiva, scrive il Sole 24 ore, in base alla quale ora è obbligatorio l'aumento della metà della sanzione edittale nel caso in cui nel triennio precedente il contgribuente sia incorso in violazione della stessa indole. Non è chiaro, infatti, se debba essere preso in considerazione il triennio precedente e, più nello specifico, se debba riguardare o meno i periodi di imposta precedenti il 2016, cioè prima dell'entrata in vigore della norma. Stando alla posizione del Ministero dell'Economia e della Finanze, la sanzione va in senso retroattivo. Il Fisco potrebbe valersi della possibilità, e non dell'obbligo di sanzionare.

Recidiva - Altra questione sulla recidiva riguarda le modalità di calcolo dell'aumento della metà della sanzione in presenza di più violazioni constatate contemporaneamente. Dovrà essere chiarito quindi se l'aumento della pena vada operato e come si determini per effetto della recidiva rispetto agli altri incrementi previsti dal cumulo giuridico. Il caso della recidiva può scattare anche quando ci sono violazioni reiterarte in progressione, ma in momenti differenti relativamente allol stesso periodo di imposta. La norma si riferisce a violazione della stessa indole commesse nei tre anni precedenti e, operando un'interpretazione rigorosa, non escluderebbe quelle "in progressione" autonomamente sanzionate relative allo stesso anno.

Aggravanti - Per le altre aggravanti, alcuni uffici sostengono un'immediata applicazione in ipotesi di una rideterminazione delle sanzioni richiesta dal contribuente. Per esempio in caso di dichiarazione infedele, se realizzata con fatture false, dal 1 gennaio comporta l'aumento della metà della sanzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GiulianaBaudone

    16 Febbraio 2016 - 11:11

    Vergognoso

    Report

    Rispondi

  • viola52

    08 Febbraio 2016 - 18:06

    finito di arraffare soldi sulle tasse che ormai ce ne sono poche causa disoccupazione ecco che cominciano le multe....da una parte o dall'altra devono arraffare per far tornare i conti LORO...mi piacerà vedere come faranno a farsi pagare le multe da chi non ha nemmeno di che mantenersi...

    Report

    Rispondi

blog