Cerca

Lo scenario

Ci cacciano dall'euro, Italia condannata al disasto. Niente lira: ci vogliono punire

Ci cacciano dall'euro, Italia condannata al disasto. Niente lira: ci vogliono punire

Le Borse in picchiata, lo spread che vola. E un sospetto: la grande crisi è tornata, anzi non è mai finita, e forse il prezzo più salato è ancora da pagare. Ma questo non è l'unico sospetto: l'altro dubbio riguarda l'euro, e la possibilità, rilanciata anche dal Corriere della Sera, che il grande attacco in corso miri a spaccare la moneta unica. A frantumarla in due: l'euro del Nord e quello del Sud, dei Paesi che arrancano, Italia compresa. Una circostanza confermata dalle posizioni prese dagli investitori, dagli spostamenti dei capitali, dai corsi delle valute.

L'ipotesi, appunto, è la frantumazione della moneta unica. Nella "serie A" dell'euro i paesi del Nord, Germania capofila, ma anche la Francia, Olanda, Finlandia e Slovacchia. Nel Sud, invece, noi, Spagna, Portogallo, Slovenia, Grecia e Irlanda. Uno scenario che emerge dall'andamento dei differenziali dei titoli di Stato: quello dei Paesi di Serie A cala, lo spread di quelli di Serie B schizza. Insomma, i mercati, ora, ci credono davvero, e la polarizzazione si acuisce di giorno in giorno.

Una situazione che ricorda molto da vicino quella del 2012, quando il copione, circa, ricalcò quello di questi giorni: si immaginava uno scenario simile, in cui i titoli di Stato di paesi come Italia e Spagna, un giorno, sarebbero stati rimborsati in valuta locale e clamorosamente svalutata. Ai tempi, Mario Draghi e la sua Bce tolsero le proverbiali castagne dal fuoco. Ma oggi - e questa è la novità più preoccupante - Draghi non sembra batare più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    09 Aprile 2016 - 17:05

    la slovacchia mica era un paese ricco, lo è diventato entrando in europa, come mai?, forse non avevano il debito pubblico e hanno solo preso finanziamenti a fondo perduto, mentre a noi sono rimasti milioni di statali affamati dentro il debito pubblico da mantenere a suon di euri, e nessuno vuol licenziare per paura di perdere voti., qualche cosa che non quadra nel cerchio c'è.

    Report

    Rispondi

  • straniero

    12 Febbraio 2016 - 11:11

    Dovremmo seguire la Gran Bretagna....dentro UE (forse ancora per poco) ma moneta nazionale....e sconto su quanto elargito a Bruxelles...

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    12 Febbraio 2016 - 09:09

    Ma il Grullo fiorentino dice: state sereni, io superman ho tutto sotto controllo e va tutto bene..... Un Italiano in Germania.

    Report

    Rispondi

  • bettym

    12 Febbraio 2016 - 09:09

    Questo è il risultato per aver voluto mettere i paesi in mano alle banche!! La banca è nata per fornire un servizio e non per governare paesi o addirittura un'unione di paese!!! Evidentemente chi ha profitto da questa situazione è molto potente!! Non capisco come mai nessun governo si sia opposto alla nascita di questa situazione. € di serie A e € di serie B??? e chi decide il valore della moneta?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti