Cerca

Il retroscena

Le mani nei nostri conti correnti: il piano diabolico di Equitalia e Pd

Le mani nei nostri conti correnti: il piano diabolico di Equitalia e Pd

Contro l'evasione fiscale ci vogliono poteri speciali. Lo sostiene l'amministratore delegato di Equitalia Enrico Maria Ruffini davanti alla commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Insomma, i risparmi degli italiani (conti correnti, depositi, azioni, obbligazioni), scrive il Giornale, sono in pericolo.

"Allo scopo di consentire che siano intraprese azioni di recupero puntuali ed efficaci", spiega Ruffini, "sarebbe importante accordare alle società del gruppo la fruibilità, in forma massiva e a cadenze ravvicinate, di informazioni attuali in ordine alla consistenza effettiva dei rapporti che i debitori intrattengono con gli operatori finanziari". In sostanza, se diventasse legge, gli esattori con un clic potrebbero passare subito all'incasso, saltando l'eventuale verifica in contraddittorio (anche giudiziario) con il cittadino interessato. 

Tra il 2000 e il 2015 su 1.058 miliardi di crediti da riscuotere Equitalia ne ha intascati solo 51, il 5 per cento. E ora tira dritto, forte anche di una promessa del Pd, che in Commissione Finanze del Senato, attraverso la relatrice Lucrezia Ricchiuti, aveva fatto: "Restituire al concessionario pubblico efficienza di recupero", garantire "libero accesso a tutte le informazioni finanziarie che riguardano i contribuenti, come i conti bancari italiani e quelli all'estero, la compravendita di auto o di imbarcazioni, i conti titoli".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bogarelliabele

    27 Febbraio 2016 - 10:10

    gestire un'azienda ,con unica entrata del DEBITO, si puo ' solo prendendo i LADRI e PAPPONI.

    Report

    Rispondi

blog