Cerca

Il piano di Super Mario

Così Draghi sta per cacciare Renzi. L'indiscrezione: la bomba della Bce

Mario Draghi

Dalla Banca Centrale Europea sarebbe in arrivo un richiamo formale contro l'Italia. È quanto rivela Affaritaliani.it, che citando fonti qualificate riferisce del warning allo studio dell'Eurotower nei confronti di Matteo Renzi. Dietro, ci sarebbe lo zampino di Mario Draghi: in particolare, nel mirino, ci è finito il debito pubblico italiano.

Il timore della Bce, infatti, è che a differenza di quanto annunciato nel Def nemmeno quest'anno si arrivi finalmente a una riduzione. Nel caso in cui il richiamo arrivasse, per Renzi e l'esecutivo sarebbere un durissimo colpo, soprattutto in termini di credibilità internazionale. Alcune indiscrezioni riferiscono che a spingere per il richiamo sarebbe soprattutto la fazione tedesca della Bce, "armata" dalla Bundesbank e dal falco Jens Weidmann.

Secondo Affaritaliani.it, tra le richieste che verranno avanzate a Renzi per abbassare il debito si insisterà per tagliare i piani di riduzione fiscale previsti per il 2017: in soldoni, le tasse non caleranno (e questo nel migliore dei casi). Il warning, inoltre, avrebbe effetti negativi nelle trattative del governo per chiedere ai vertici dell'Unione europea maggiore flessibilità.

Questa vicenda ricorda in tutto e per tutto quella che travolse Silvio Berlusconi nel 2011, quando il Cav fu costretto a dimettersi subito dopo la lettera spedita dell'Eurotower. Anche in questo caso, Renzi potrebbe ricevere una missiva che, de facto, detterebbe la linea al governo nel migliore dei casi, mentre nel peggiore potrebbe innescare un meccanismo in grado di far crollare l'esecutivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    22 Aprile 2016 - 00:12

    Fallo e fallo subito Draghi Le sarò riconoscente se me li togli dai piedi sti SxxxxxI PDioti.

    Report

    Rispondi

  • Nat1944

    21 Aprile 2016 - 18:06

    ...il vero e grande prblema è il debito pubblico che, nonostante le belle parole di tutti i nostri Governi, ogni anno aumenta ma nessuno ci mette la manine per paura di briciarle!!!!!! Sono anni che si parla di ridurre le tasse per far ritornare a crescere il nostro Paese ma sono solo parole e parole!!! Non si cresce con gli 80 Euro, si cresce solo riportando gli stipendi a valori adeguati!!

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    13 Aprile 2016 - 08:08

    già tutti a sperare che draghi cacci il renzi, senza poi considerare che può arrivare un altro governo simil monti!! dalla padella alla brace

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    13 Aprile 2016 - 08:08

    Ci prendono continuamente in giro. Ci raccontano di un debito pubblico immenso ma che stranamente e nonostante la crisi del Paese, continua ad essere finanziato anche quando non da interessi ma produce perdite. Sembra di giocare alle tre tavolette dove il giocatore perde sempre. Politici, magistratura, giornalisti e sindacati da spazzare via. Qualsiasi altro sistema è meglio di questi ladroni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog