Cerca

Previdenza

Il governo fa marcia indietro: sconti fiscali sui fondi pensione

Il governo fa marcia indietro: sconti fiscali sui fondi pensione

Il sistema pubblico delle pensioni è alla canna del gas. Ogni giorno o quasi escono indiscrezioni su come e quando il governo intenda intervenire per ritoccare assegni, reversibilità e altro. Allo stesso tempo, notizie allarmanti si susseguono sulle difficoltà che il nostro sistema previdenziale incontrerà tra una quindicina d'anni, quando i baby-boomers, i figlio del boom economico degli anni Sessanta, andranno in pensione trasformandosi da contribuenti a recepenti. Ora, pare, che il governo sta guardando anche altrove. Come riporta il quotidiano Il Messaggero, un altro fronte aperto è quello della previdenza complementare: nel 2015 il governo aveva alzato dall'11,5 al 20% l'aliquota dell'imposta sui rendimenti dei fondi pensione. Per le casse di previdenza, il prelievo era salito addirittura al 26%. Ora, Palazzo Chigi starebbe valutando una marcia indietro, insieme a un incremento della deducibilità fiscale dei versamenti effettuati. Obiettivo, spingere la cosiddetta "pensione di scorta" anche in vista di una possibile riduzione della contribuzione obbligatoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog