Cerca

La beffa

Canone Rai, si paga due volte: ecco chi verrà massacrato

Canone Rai, si paga in dieci rate

Con la scusa di far pagare il canone a un milione di evasori il governo vuole allargare la platea degli abbonati da 15,7 a 23,5 milioni di cittadini. Sarà questo il clamoroso effetto del balzello addebitato in bolletta.

Al di là della grande confusione sul tema, il meccanismo che orienterà l' azione dell' Agenzia delle Entrate è chiaro: ogni titolare di un' utenza residenziale domestica sarà considerato presuntivamente possessore di un apparecchio tv e quindi tenuto al pagamento del canone. Certo, si fa un gran parlare in questi giorni dei moduli per schivare il pagamento. Ma il caos sulle modalità di compilazione, il mancato invio dei modelli a casa degli utenti, la mancanza, a una decina di giorni dalla scadenza del 30 aprile per l' invio cartaceo, del decreto attuativo che indichi ufficialmente le procedure, fanno chiaramente prevedere che non tutti riusciranno a presentare la dichiarazione sostitutiva. Anche se una buona quota riuscirà nell' impresa, il governo guadagnerà comunque. Ad oggi, infatti, secondo i dati (stimati) forniti dall' Autorità per l' energia in Italia ci sono 29,4 milioni di utenze domestiche, di cui 23,5 milioni residenziali, ovvero sono intestate a persone che hanno la residenza anagrafica nell' appartamento, esattamente il target a cui si rivolge l' Agenzia delle entrate.

Ma c' è di più. Molti di quei 23,5 milioni saranno costretti ad ingoiare il rospo senza fiatare. L' utenza elettrica residenziale (tariffa D2, applicata a 21,8 milioni di clienti con potenza sotto i 3 KW) è infatti legata ad un sistema di sconti che complessivamente vale circa 1 miliardo di euro e alleggerisce non di poco la bolletta. Numeri alla mano, dall' ultimo aggiornamento dell' Acquirente unico (l' ente che controlla tutti i punti di prelievo e farà da tramite tra fisco e società per il canone) sulla spesa annua dei clienti domestici emerge che i residenti con potenza fino a 3 KW e un consumo medio nei dodici mesi di 2.700 KWh la fattura sarà di 483 euro. Per i non residenti (tariffa D3) la spesa sale a 724 euro. Si tratta di circa 240 euro di differenza.

Il problema nasce nel momento in cui bisogna presentare la dichiarazione sostitutiva per evitare un doppio canone nella famiglia anagrafica. In circa 5 esempi sui 12 illustrati sul sito dell' Agenzia delle entrate spunta fuori il caso di un' utenza residenziale senza la residenza associata. Il che significa che non si è comunicato alla società elettrica il cambiamento di residenza oppure che si è preferito mantenere la titolarità dell' utenza per evitare le complicate procedure della voltura.

In tutti i casi, una volta emersa la circostanza, l' utente non solo perderà lo sconto in bolletta, ma rischia anche di dover pagare gli arretrati. Le Entrate si limitano a dire che la situazione della falsa utenza residenziale deve essere verificata, ma invitano comunque a presentare la dichiarazione. Una circostanza che non dispiacerà alle società elettriche, che avranno il modo di scovare tutte le tariffe agevolate non dovute. Per i cittadini l' alternativa sarà obbligata: o appesantire la bolletta di altri 250 euro o pagare in silenzio un doppio canone di 100 euro.

di Sandro Iacometti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • begeca

    20 Aprile 2016 - 14:02

    dove il problema deve pagare il titolare dell'utenza elettrica, cari giornalisti di libero io vivo in sardegna e lo sapete quanti Milanesi - Bresciani hanno la residenza anagrafica a nome della moglie o figli in sardegna per non pagare l'IMU -Tasi ed avere le agevolazioni sulla energia elettrica - acqua e quant'altro vi sembra onesto ?

    Report

    Rispondi

  • Gioet

    19 Aprile 2016 - 16:04

    Caro nick2 concordo in toto ma lo sai questi di libero difendono tutti meno gli onesti,

    Report

    Rispondi

    • Bolinastretta

      20 Aprile 2016 - 09:09

      Chi sarebbero?? mi può fare dei nomi gentilmente, così magari, e se mai andremo a votare... li voto!!!

      Report

      Rispondi

  • nick2

    19 Aprile 2016 - 14:02

    Iacometti, sempre dalla parte dei furbi, vero? Diciamo le cose come stanno. Chi ha due o più appartamenti spesso li intesta come prima casa ai figli (che non risiedono) per pagare imposte ridotte sull’acquisto, per non pagare l’IMU e per avere una riduzione per utenza elettrica residenziale. Che facciano almeno lo sforzo di pagare il canone!

    Report

    Rispondi

    • fausta73

      19 Aprile 2016 - 19:07

      e' proprio così, ma se è in effetti una seconda casa basta non avere il televisore e non si paga.

      Report

      Rispondi

    • Bolinastretta

      19 Aprile 2016 - 17:05

      concordo!

      Report

      Rispondi

blog