Cerca

Lotta all'evasione

Occhio a foto e video su Facebook. Gli 007 del Fisco ti stanno spiando

agenzia delle entrate

agenzia delle entrate

Contrastare l'evasione fiscale attraverso il monitoraggio dei social network. E' questa una delle strategie che saranno adottate dall'Agenzia delle Entrate per la prevenzione e la lotta all'evasione contenute nelle linee guida pubblicate in una recente circolare, vero e proprio manuale di condotta per i vari uffici territoriali.

"Il fisco - spiega infatti lo Studio Cataldi - userà i propri 007 anche sui social network per contrastare all'evasione. Ma non solo. Le presunzioni nelle verifiche saranno messe all'angolo, sarà incentivato il confronto preventivo e le verifiche sugli immobili e i conti correnti saranno svolte con i guanti, puntando l'attenzione sulle grandi frodi e non sui piccoli importi. Più tempo anche per la voluntary disclosure che sarà chiusa entro il 30 settembre".

"Cuore nevralgico del contrasto - continua il sito di informazione legale - saranno le banche dati che serviranno a reperire le informazioni per gli accertamenti, ma che dovranno puntare verso un miglioramento qualitativo. Il direttore Rossella Orlandi invita cioè i suoi uomini ad un uso appropriato e all'apertura ad altre "fonti" di analisi, come quelle dei social network, Facebook in primis, ma anche Twitter e Instagram, canali privilegiati di indagine. Si va verso un maggior "garantismo" per gli accertamenti su case e immobili, con una focalizzazione sul confronto preventivo che, precisa la circolare, "costituisce la modalità istruttoria più valida" perché permette al contribuente di fornire chiarimenti e documenti utili a inquadrare più realisticamente le fattispecie oggetto di stima, pervenendo così a valutazioni 'trasparenti e sostenibili'".

Maggior garantismo, quindi, ma anche - e solo nei casi in cui ci sia un'elevata discrepanza fra quanto dichiarato e quanto stimato dal Fisco - la possibilità di accedere all'immobile o nei locali dell'azienda oggetto del controllo alla ricerca di ulteriori informazioni.

"Quanto agli accertamenti bancari - spiega infine lo Studio Cataldi -, l'amministrazione punterà sui "pesci grossi", ricorrendo alle indagini "solo a valle di un'attenta analisi del rischio dalla quale possano emergere significative anomalie dichiarative e quando è già in corso un'attività istruttoria d'ufficio"".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aaronrod

    30 Aprile 2016 - 21:09

    Dovreste controllare le porcherie che fanno i politici. Se intercettaste ogni politico nei minimi dettagli, credo ne uscirebbero delle belle !!

    Report

    Rispondi

blog