Cerca

La guida

Comprare casa, ecco le città dove fare il miglior affare

Comprare casa, ecco le città dove fare il miglior affare

Se non è il momento perfetto, poco ci manca. Per gli italiani intenzionati a cambiar casa, o per quelli che vogliono acquistarne una per la prima volta, il contesto attuale offre condizioni tanto favorevoli da non avere precedenti nel passato recente.

Con le quotazioni immobiliari notevolmente ridimensionate rispetto a 7-8 anni fa e con i tassi di interesse sui mutui ai minimi storici, oggi l' acquisto di un immobile può infatti rappresentare un' opzione parecchio più conveniente di un affitto. E anche se al momento sembra probabile che i prezzi, soprattutto nelle zone periferiche delle città capoluogo e nei comuni dell' hinterland, possano ulteriormente scendere nel corso del 2016, le variazioni dovrebbero comunque mantenersi entro percentuali tali da non incidere in maniera determinante sull' operazione.

Dopo che tra il 2007 e il 2015 le quotazioni degli immobili a livello nazionale sono diminuite mediamente del 39% e dopo aver chiuso gli ultimi 12 mesi con un calo del 4,2% (dati Ufficio studi Tecnocasa), le previsioni per il 2016 sono infatti di una lenta ma progressiva stabilizzazione. «I prezzi sono ancora in diminuzione, ma ci aspettiamo che ormai si sia di fronte alla fine di questa lunga crisi immobiliare», conferma Fabiana Megliola, responsabile dell' Ufficio studi Tecnocasa. «Anche gli investitori si stanno riaffacciando con interesse al mercato immobiliare dopo che, negli ultimi anni, in parte a causa di una tassazione gravosa, si erano dimostrati più prudenti rispetto all' investimento nel mattone».

In altre parole, meglio cominciare a muoversi. Anche perché, per quanto pressoché dimezzate rispetto alle oltre 845mila compravendite raggiunte nel 2006, lo scorso anno le transazioni di immobili residenziali sono tornate a crescere del 6,5%, superando quota 444mila. Merito soprattutto di «prezzi vantaggiosi e di mutui ora più accessibili», spiega Megliola, che suggerisce qualche regola di base su come muoversi nel mercato per cercare di fare l' acquisto migliore. «Intanto è sempre bene informarsi sui progetti di riqualificazione, di sviluppo o di eventi che possono impattare sullo sviluppo urbanistico, come è successo a Torino per le Olimpiadi e a Milano per l' Expo. Poi, si può considerare che le zone universitarie delle grandi città sono sempre molto ambite, perché si riesce eventualmente ad affittare facilmente l' immobile agli studenti». Quanto alle città dove può convenire stringere i tempi, secondo le previsioni di Scenari Immobiliari, Istituto indipendente di studi e ricerche, nel corso del 2016 i prezzi torneranno a salire nelle zone centrali di Milano (+1,8%), Venezia (+1,5%), Roma (+1,2%),Verona (+0,5%) e Firenze (+0,3%).

Stando alle analisi dell' Ufficio studi di Immobiliare.it sull' andamento dei prezzi negli ultimi tre mesi dell' anno, potrebbe invece valere la pena prendere tempo ad Aosta, dove i prezzi sono scesi del 4,1% in un solo trimestre, a Cagliari (-1,5%), Bari (-1,5%) e Perugia (-1,4%).

Qui, infatti, le quotazioni potrebbero continuare a diminuire a ritmo sostenuto anche nel corso del 2016, garantendo un risparmio interessante a chi fosse in cerca di un primo acquisto. Per chi invece fosse in cerca di una casa più grande in sostituzione di quella occupata attualmente, e avesse quindi anche l' esigenza di vendere, il discorso cambia.

«Se si escludono le case nuove, che però sono sempre posizionate in periferia, le medie del mercato della casa rappresentano un riferimento abbastanza limitato, perché ogni alloggio usato è diverso dall' altro», spiega Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari.

«Le condizioni dell' immobile e l' entità dei lavori necessari per adattarlo alle proprie esigenze fanno un' enorme differenza tra una casa e l' altra», prosegue Breglia. Rapidità di vendita e quotazione dipendono quindi non solo dalla zona in cui è l' immobile, ma anche e soprattutto dalle sue condizioni.

In un caso o nell' altro, comunque, «questo è un momento interessante per guardarsi attorno, anche perché i tempi per un acquisto o una vendita sono sempre piuttosto lenti. E anche se in alcune città questo autunno acquistare casa potrà convenire di più, visto che per completare l' operazione ci vogliono in media dai sei agli otto mesi, è meglio cominciare a muoversi», conclude Breglia.

Dino Bondavalli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog