Cerca

Il ddl

Debiti con Equitalia, in arrivo la sanatoria. Rate, percentuali, risparmi: tutte le cifre

Debiti con Equitalia, in arrivo la sanatoria.  Rate, percentuali, risparmi: tutte le cifre

La proposta per chi è in debito con Equitalia è questa: il contribuente sana il proprio debito con una soluzione per lui conveniente ed Equitalia accetta la rateizzazione delle somme in base alla sua situazione finanziaria. Il ddl di "rottamazione dei ruoli" è stato assegnato alla VI Commissione Finanze e tesoro del Senato lo scorso 19 aprile e si rivolge a due categorie di cittadini: quelli in "grave difficoltà finanziaria", ovvero con un debito per oltre il 50% precedente al 31 dicembre 2010, e quelli in "momentanea difficoltà finanziaria", con un debito oltre il 50% precedente al 21 dicembre 2012.

I primi accettano il pagamento integrale dell'Iva, dei contributi previdenziali e di un importo pari al 75% dei tributi amministrati dall'Agenzia delle entrate, ottenendo lo stralcio integrale delle sanzioni, degli interessi e dell'aggio di riscossione. I secondi accettano lo stesso trattamento pagando però il 95,5% dei tributi, fermo restando lo stralcio. Per importi inferiori a 50mila euro, il debito si estingue con 8 rate trimestrali pagabili in 2 anni. Per quelli superiori a 50mila euro: 12 rate trimestrali, pagabili in 3 anni. 

Con questa proposta della senatrice di FI Anna Maria Bernini, presentata con il collega Emilio Floris, si inverte l'ordine dei fattori: oggi il contribuente va da Equitalia e chiede di poter negoziare un piano di rientro; il ddl invece obbligherebbe l'agente della riscossione, sulle base di un calcolo aritmetico che consente all'erario di recuperare i crediti deteriorati - riducendo l'importo del capitale, eliminando gli interessi - ad accettare un piano concordato di rientro, con una rateizzazione compatibile con le possibilità finanziarie del contribuente, che sia semplice cittadino, lavoratore autonomo o impresa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog