Cerca

L'inchiesta

L'ultimo scandalo di Banca Etruria: a chi prestava decine di milioni di euro

L'ultimo scandalo di Banca Etruria: a chi prestava decine di milioni di euro

Banca Etruria concedeva prestiti a grandi gruppi amici coi conti disastrati e senza criteri ragionevoli. Una modalità che evidenzia una "incapacità generalizzata a gestire il credito", dice il commissario Giuseppe Santoni nella relazione finale sull'insolvenza. Riporta Repubblica che Santoni, in oltre 150 pagine, elenca le ragioni del fallimento dell'istituto di credito e non risparmia i vertici: "Nonostante le pressanti indicazioni di Bankitalia, restavano singolarmente inerti". Aggiunge "difetti nei controlli di primo e secondo livello sui conti transitori, e anomalie nelle verifiche anti-riciclaggio".

Il documento servirà al pool di magistrati di Arezzo a definire le ipotesi della bancarotta fraudolenta. A cominciare dalla gestione disastrosa dei grandi creditori. Quattro in particolare che, insieme, hanno accumulato un'esposizione superiore a cento milioni, soldi che Etruria non ha più avuto indietro. Il primo è il gruppo Sacci spa (50 milioni), storica azienda del cemento di proprietà della famiglia Federici ritenuta vicina a Gianni Letta. Il secondo è Privilege Yard spa che ha avuto una ventina di milioni per il progetto dello yacht più grande del mondo fallito prima di essere completato. Altri 20 milioni sono andati a Villa San Carlo Borromeo, una srl che possiede l' omonimo hotel cinque stelle di Senago fallita l' 11 giugno scorso. Infine, l'immobiliarista Pierino Isoldi, diversi guai con la giustizia alla spalle, che ha ottenuto una quindicina di milioni di euro nel 2010 per la Isoldi Holding spa, poco prima di finire in amministrazione controllata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquino del3mi

    17 Maggio 2016 - 08:08

    QUESTO é IL PAESE DOVE CHI LAVORA SUL SERIO, VIENE DERUBATO DA LE CASTE,AMICI DEGLI AMICI e RAPINATORI DELLAGENZIA DELLE ENTRATE, è ora di mandarli a pascere

    Report

    Rispondi

  • accanove

    11 Maggio 2016 - 17:05

    ..e che non si è mai saputo dove hanno prestato i sodli l MPS.... questo perchè hanno fatto di tutto per tenerlo in piedi e non metterlo nei guai perchè se li dentro ci entra la magistratura addio governo, PD, Coop Rosse e via dicendo.

    Report

    Rispondi

  • bettym

    11 Maggio 2016 - 14:02

    Per risarcire i piccoli risparmiatori è semplice...basta prendere tutto ciò che ha il/i presidenti di Banca Etruria e rendere il maltolto ai risparmiatori!!! Basta con i decreti salvabanche..ci deve essere un decreto salvapopolo!!! quindi chi ha sbagliato, paghi e subito...indipendentemente dal cognome che porta!!!

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    11 Maggio 2016 - 14:02

    Abbiamo capito che la Banca Etruria è il cuore, e ne saranno di altri, di una classe di persone che evadevano il fisco "rubando" e che per l'Agenzia delle Entrate erano persone oneste. Il povero artigiano il ladro. Ora cercate di chiarirvi perché se qualche cittadino, che non avrà il rimborso,se lo procurerà con modi poco ortodossi farà solo che bene. Vediamo se i Magistrati faranno il loro dovere

    Report

    Rispondi

blog