Cerca

Discesa in campo

Confindustria, Boccia sta con Renzi: "Riforma costituzionale? Traguardo a portata di mano"

Confindustria, Boccia sta con Renzi: "Riforma costituzionale? Traguardo a portata di mano"

Le riforme sono "una strada obbligata" e su quella costituzionale "il traguardo è a portata di mano". Vincenzo Boccia, neo-presidente di Confindustria, schiera gli imprenditori italiani al fianco di Matteo Renzi. Nell'assemblea annuale dei soci. ricorda come Confindustria "si batte fin dal 2010 per superare il bicameralismo perfetto e riformare il Titolo V della Costituzione". Da qui, dunque, la soddisfazione per l'operato del governo anche se, ricorda Boccia, "la nostra posizione e le conseguenti azioni sul
referendum verranno decise nel Consiglio generale convocato per il 23 giugno".

"Non conta chi le fa, ma come" - Le riforme "sono la strada obbligata per liberare il Paese dai veti delle minoranze e dai particolarismi, che hanno contribuito a soffocarlo nell'immobilismo", ha proseguito il presidente degli industriali secondo cui le riforme "non hanno un nome, ma un oggetto. Non conta chi le fa, ma come sono fatte. E se noi le condividiamo, le sosteniamo". Boccia ha proseguito affermando che "le riforme non sono patrimonio dei partiti, ma di tutti i cittadini. E quindi anche nostro. Appartengono alla nostra storia di Confindustria fin dagli anni Novanta" e "possono inaugurare una grande stagione della responsabilità, nella quale chi governa sceglie e prende decisioni e il consenso si misura sui risultati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franz.stirner

    26 Maggio 2016 - 22:10

    un buffone dopo l'altro da squinzi a questo qui si peggiora e non si credeva fosse possibile

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    26 Maggio 2016 - 20:08

    lo sappiamo tutti che confindustria fa i cazzi suoi .maledetto chi gli consente di farli, oggi è renzi .

    Report

    Rispondi

  • lucianaza

    26 Maggio 2016 - 20:08

    NON E' CHE CONFINDUSTRIA STA CON RENZI, MA è RENZI CHE INVECE DI STARE CON GLI OPERAI COL VOTO DEI QUALI è Lì PRESIDENTE, STA CON CONFINDUSTRIA!

    Report

    Rispondi

  • babbone

    26 Maggio 2016 - 17:05

    nartro persiano. comunque bisogna dire che se li sceglie bene.

    Report

    Rispondi

blog