Cerca

La decisione della Bce

Parla Draghi: "Ecco cosa succederà presto". E sulla Brexit categorico: "Pronti a tutto"

Parla Draghi: "Ecco cosa succederà presto". E sulla Brexit categorico: "Pronti a tutto"

La Bce, che ha lasciato i tassi di interesse fermi al minimo storico, alza la stima della crescita 2016, dall’1,4% all’1,6%, e ritocca anche la stima dell’inflazione, che passa dallo 0,1% allo 0,2%. In questo scenario, pesano le parole del presidente Mario Draghi. La ripresa resta "modesta ma stabile". La crescita, spiega, "continua ad essere sostenuta dalla domanda interna" mentre incidono negativamente "le esportazioni deboli". Secondo i dati, la crescita "è proseguita nel secondo trimestre, anche se forse a un tasso inferiore rispetto al primo trimestre". La domanda interna "resta sostenuta dalla trasmissione delle nostre misure di politica monetaria all’economia reale". Ma i rischi per le prospettive di crescita dell’area dell’euro "rimangono orientati al ribasso", anche se l’equilibrio dei rischi "è migliorato" grazie anche agli effetti della politica monetaria. I rischi al ribasso "continuano a riguardare gli sviluppi nell’economia globale, il prossimo referendum britannico e ad altri rischi geopolitici".

Proprio al rischio Brexit guarda il numero dell’Eurotower. La posizione della Bce rispetto all’ipotesi è inequivocabile: "Rimanere nell’Unione europea fa bene alla Gran Bretagna e fa bene all’Europa", scandisce il presidente Mario Draghi, assicurando comunque che l’Eurotower "è pronta a qualunque scenario". E che, in particolare, in caso di uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea, la Bce "valuterebbe la natura e l’impatto dell’eventuale shock", vigilando anche "sugli effetti secondari"

La preoccupazione principale resta comunque rivolta all’inflazione. Draghi, ribadendo che i tassi di interesse rimarranno a questo livello o più bassi "per un esteso periodo di tempo", torna anche a sostenere con chiarezza che nel contesto attuale "è fondamentale assicurare che l’inflazione molto bassa" non comporti "effetti di secondo livello sui salari e sulla fissazione dei prezzi". Da qui la determinazione a intervenire tempestivamente, con ogni mezzo a disposizione. Il Consiglio direttivo, assicura il numero uno dell’Eurotower, "seguirà attentamente l’evoluzione delle prospettive per la stabilità dei prezzi e, se necessario per raggiungere il suo obiettivo, agirà utilizzando tutti gli strumenti disponibili nell’ambito del suo mandato". Altrettanto ferma la risposta a una domanda che, visti gli attuali livelli dei prezzi, ricorre. "Siamo contrari a rivedere l’obiettivo per inflazione", fissato a un livello più basso ma vicino al 2%. Draghi spiega anche perché: una scelta del genere "minerebbe la credibilità" della Banca centrale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettym

    03 Giugno 2016 - 09:09

    L'unione Europea ha fallito!! La moneta € è stato il più grande errore della storia!! Basta!! Che inizi la Gran Bretagna ad uscire da questo marasma e poi speriamo che il sistema salti per aria e così ognuno tornerà alle origini...e quando finalmente riavremo la nostra vecchia LIRA ITALIANA, forse riusciremo ad aggiustare qualcosa..altrimenti l'€ ci porterà alla fossa...(già abbiamo 1 piede)

    Report

    Rispondi

    • ramadan

      05 Giugno 2016 - 12:12

      e con che cosa pagheremo il petrolio e tutte le materie prime che importiamo ? chi accetterà la moneta di un paese corrotto e indebitato come il nostro ? dovremmo comprare dollari e/o euro sul mercato ma a che prezzo ? ma mi faccia il favore bettym si informi prima di sparare cazzate!

      Report

      Rispondi

    • imahfu

      04 Giugno 2016 - 17:05

      Betty Dimentichi tassi di interesse - su un debito pubblico enorme -Dimentichi le svalutazioni a catena della ira che subirebbe a contropartita in dazi pari alla svalutazione.. Insomma non capisci niente, come Giordano

      Report

      Rispondi

blog