Cerca

Lunedì di passione

Piazza Affari giù, incubo Mps: -14%. Si muove il Codacons

Piazza Affari giù, incubo Mps: -14%. Si muove il Codacons

Altro lunedì di passione e ribassi in Borsa. L'indice Ftse Mib ha terminato con un calo dell'1,74% a 16.012 punti, All Share -1,67%. Piazza Affari maglia nera tra i mercati europei, comunque esitanti e incerti all'avvio di settimana. Il tema della Brexit aleggia sempre sullo sfondo con il suo carico minaccioso per gli equilibri dei mercati, e le conseguenze per l'allocazione degli
investimenti. Sul nostro listino la situazione è più delicata per la forte presenza del settore bancario, il più esposto alla volatilità, con il governo che è ancora all'opera per alzare un cordone protettivo. Oggi protagonista in negativo è stato il Monte Paschi (-13,99%) dopo che è emersa la richiesta della Bce di approntare un piano pluriennale per tagliare i crediti deteriorati.

Il Codacons si  muove - Dopo le lettera di Draghi "con cui si intima alla banca di realizzare un piano triennale per smaltire circa 10 miliardi di euro di sofferenze lorde" il Codacons si dice pronto a tutelare azionisti e obbligazionisti dell'istituto di credito.
"Ancora una volta Mps finisce nel mirino delle autorità di vigilanza - afferma l'associazione dei consumatori - più volte negli anni abbiamo contestato la gestione della banca senese e i danni prodotti a soci e clienti, attività che ha portato il Monte dei Paschi a intentare in tribunale una causa maxi-milionaria contro il Codacons. Oggi però è addirittura la Bce a intervenire, ponendo un ultimatum a Mps. Anche in questo caso - prosegue l'associazione - siamo pronti a tutelare azionisti e obbligazionisti dell'istituto in caso di futuri danni o ripercussioni economiche, considerato che 60mila risparmiatori hanno in portafoglio quasi 5 miliardi in titoli subordinati Mps". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog