Cerca

Europa

Senza euro staremo meglio: la prova? In questi (pochi) numeri

Senza euro staremo meglio: la prova? In questi (pochi) numeri

Ormai è una polifonia: l' uscita del Regno Unito dall' Europa (l' euro i britannici non lo hanno mai voluto), rallenterà ulteriormente la crescita - già modesta - del Vecchio Continente. Crescita modesta, a tratti asfittica (come in Italia), che rischia di mandare in soffitta tutti i sogni di ripresa e recupero. Per tornare ai livelli precisi gli statistici ipotizzano decenni. Ma c' è anche chi si lancia in un ben poco augurante: "Nulla sarà più come prima".


Previsioni da sfera magica a parte, c' è da chiedersi come se la siano passata, e come se la stiano passando, quelli che l' euro non lo hanno voluto: o per scelta o per antiche idiosincrasie valutarie. E poi non c' è solo l' Europa dell' euro con cui fare un confronto. C' è tutto un mondo oltre i bastioni fissati da Bruxelles. E un mondo che cresce a ritmi buoni o eccellenti, come provano l' ottimo andamento dell' export (che per l' Italia rappresenta, e ha rappresentato, la vera ciambella di salvataggio per aziende e bilancia commerciale). Lontano dall' Europa - mentre noi ci turbiamo per uno zerovirgola - c' è tutto un mondo che cresce: dagli Stati Uniti all' Asia, da Israele al Canada.


Basta andare a vedere i dati relativi al Pil dei Paesi che non hanno l' euro (perché non lo hanno adottato o perché hanno altra valuta), per rendersi conto che la crisi insiste come la fantozziana nuvola della sfortuna. Alle porte d' Europa (un po' dentro e un po' fuori), c' è giusto la Svezia che è forse il "laboratorio economico" di come si possa stare dentro l' Europa senza Schengen (la libera circolazione è stata "sospesa" a gennaio scorso), e senza adottarne la valuta (continua a battere la Krona, corona).
Gli svedesi sono forse un filino più pragmatici degli inglesi. Dopo il referendum inglese ora il partito antieuro sta crescendo. Al 36% degli svedesi piacerebbe seguire l' esempio dei britannici, mentre rimarrebbe contrario il 32%. Nell' incertezza si tengono stretti la buon vecchia corona e continuano a gestire come preferiscono la propria politica monetaria: giusto ieri pomeriggio la banca centrale svedese - la Riksbank - «ha deciso di confermare il repo rate (tasso d' interesse a cui prewsta il denaro alle banche, ndr), a -0,5%, in linea con le attese del mercato». Significativo il comunicato: l' istituto centrale scandinavo rimarca come la politica «monetaria fortemente espansiva è necessaria per fornire sostegno continuo per l' economia svedese e l' aumento dell' inflazione».


Insomma, Stoccolma non ci pensa minimamente a delegare alla Bce. Visto che agendo su queste leve può fare la differenza (aiutare la competitività, incoraggiare il costo della vita). A scorrere i dati dell' Ocse, della Banca mondiale, e pure dell' Unione europea, salta fuori che tra il 1995 e il 2015 (World Bank Report rilanciati dal sito termometropolitico. it), i Paesi che sono cresciuti maggiormente sono proprio quelli senza l' euro. E la Svezia (crescita del Pil nel ventennio: 41,7%), mette a segno un record secondo solo a quello dall' Australia (42,5%), e sfiorato da Israele (38,3%). Se non dovessero piacere le statistiche della Banca Mondiale perché troppo vicina a Washington, ci si può sempre affidare agli esperti di Bruxelles. Proprio la Commissione Ue ha pubblicato, a febbraio, le previsioni di crescita per la Zona euro (2015/2017). Ma non solo. Ci sono pure le altre economie mondiali. Gli Stati Uniti - archiviata la crisi del 2008 - sembrano galoppare. Se nel 2015 il Pil Usa è cresciuto del 2,5%, nel 2016 dovrebbe balzare al 2,7%, per assestarsi al 2,6% nel 2017 (proiezioni Ue). Se si vuole allargare il raggio di analisi basta constatare che dal 2008 ad oggi il Canada ha messo a segno una crescita del 12% e gli Stati Uniti del 10%. Persino il Giappone è riuscito a vedere la crescita (+5%). L' Europa è timidamente cresciuta, mentre noi siamo andati addirittura peggio. Oggi se in Europa c' è chi si dibatte tra una crescita media dell' 1,9% (dati ante-Brexit), Roma può solo sperare di restare intorno a 0,8/1,3%. Negli ultimi 20 anni il Belpaese è stato quello che è cresciuto meno (l' 1,8%). Persino Grecia (13,5%), e Portogallo (19,1%), hanno fatto meglio. Per non parlare di Germania (28,7%), Francia (20,7%) e Spagna (23,9%).

Antonio Castro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • g.trimboli

    04 Agosto 2016 - 21:09

    Mandiamo Renzi s casa e dopo facciamo referendum su euro !

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    09 Luglio 2016 - 10:10

    Finché al governo ci sono dei coglioni che nonostante continuino ad aumentare le tasse fanno aumentare il debito pubblico, nonostante i tassi d'interesse siano a zero, cosa ci si può aspettare se non miseria e soprusi.

    Report

    Rispondi

  • ALESSANDRO.BOGGIATTO

    09 Luglio 2016 - 10:10

    Lasciare l'Euro e tornare alla lira implicherà la perdita di valore del 30% dei titoli di stato. E' una questione di tassi di interessi. Le banche italiane piene di titoli di stato fallirebbero se non intervenisse lo stato attingendo a una pesante patrimoniale. Per i privati con titoli di stato la perdita sarà secca. Entrare nell'euro fu un errore, ma non aggiungiamo errore aerrore

    Report

    Rispondi

    • PolMike

      12 Luglio 2016 - 16:04

      Eccheolà! Puntuale il masochista-trinariciuto in servizio permanente effettivo. Come fai ad affermare tutto ciò con tanta sicurezza. Che fai di professione il veggente?

      Report

      Rispondi

blog