Cerca

In Germania

Trecento euro in più se lavori di meno e stai a casa coi figli

Trecento euro in più se lavori di meno e stai a casa coi figli

Lavorare meno, guadagnare di più. No, non è lo slogan bel paese di Bengodi. Ma l'intervento che il governo tedesco ha annunciato per incentivare uomini e donne che lavorano a dedicare più tempo a casa alla cura dei figli. L'operazione avrà un costo annuo sulle casse dello stato federale di circa 1 miliardo di euro l'anno e prevede che chi aderisce all'iniziativa (per un massimo di due anni e fino agli 8 anni di età del figlio) sia "ricompensato" con un bonus mensile famigliare di 300 euro. Prevede anche che, anzichè essere la donna a trasformare il suo impiego a tempo pieno in part-time al 40%, siano papà e mamma a ridursi ciascuno il tempo di lavoro (e conseguentemente lo stipendio) del 20% ciascuno. In pratica, in caso di una coppia che abbia un reddito famigliare di 3.400 euro, la riduzione delle entrate conseguente al part-time della madre sarebbe di 600 euro, a 2.800 euro. Col bonus salirebbe a 3.100 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • burago426

    19 Luglio 2016 - 22:10

    segue- percepire ugualmente lavorando meno ore, perchè non dovrai pagare le tasse che vanno per i disoccupati e cassaintegrati che ora lavoreranno anche loro. Ma ai politici di sinistra non piace perchè senza poveri loro non ci vivono.

    Report

    Rispondi

  • burago426

    19 Luglio 2016 - 22:10

    io sono nessuno eppure da anni che dico che bisogna lavorare di meno per dare l'opportunità ad altri, disoccupati, di lavorare ed avere un reddito e non di prendere una diaria che corrisponde poi alle tasse che un lavoratore versa per cassa integrazione e disoccupazione. Perchè lavorare di più per prendere di meno perchè sono più tasse che stipendio netto, quando invece potresti percepire ugualmen

    Report

    Rispondi

blog